Berrettini: “È irrispettoso dire che perdo per colpa di Melissa Satta”

0
Berrettini: “È irrispettoso dire che perdo per colpa di Melissa Satta”

Condividi

Il tennista respinge le critiche di chi lega il suo momento no alle “distrazioni” causate dalla relazione con la showgirl

“Mi chiedo se sto sbagliando qualcosa, ma la verità è che mi spingo sempre al limite, e il tennis è uno sport molto stressante per il fisico e la mente. Ora cerco di vivere con uno stato di angoscia minore, meno teso e meno rigido in campo e più rilassato nel quotidiano”. Tra la serenità, gli infortuni e i risultati di mezzo, per Matteo Berrettini, c’è l’acidume social: Berrettini perde per colpa di Melissa Satta, si legge da un po’. Lui risponde in un’intervista a Repubblica: “Si può gettare odio in maniera troppo facile. Eppure allo specchio vedo un ragazzo che vive con tranquillità: sono educato, non ho mai insultato nessuno, mai una parola fuori posto in nessun commento”, dice.

LA LOVE STORY BERRETTINI-SATTA

Con Melissa Satta “ci siamo trovati… ma stiamo parlando di un fatto privato, molto positivo e di cui sono felice. Io sono riservato e amo la privacy (anche se poi ho fatto entrare Netflix nel mio quotidiano), e sapevo che scegliendo una persona dello spettacolo i riflettori sarebbero stati accesi – spiega Berrettini – Però, è sempre come uno vuole vederla, no? Non è una colpa se siamo seguiti e ci fanno le foto. Sto avendo una relazione sentimentale come tutti gli altri ragazzi della mia età. Normale. E anche qui mi spiace che una cosa totalmente positiva, che è un sentimento poi, venga girata come una distrazione professionale. Posso dire? È irrispettoso parlarne così, mi spiace che venga letta così. Fortunatamente non da tutti. Al di là degli haters mi spiace per quelli che di tennis ne sanno: non sono critiche costruttive e non ne capisco le ragioni“.

IL MOMENTO NO DI BERRETTINI

Anche riguardo al lungo momento di calo di risultati Berrettini sa che nel tennis va così: “Non è che si sale sempre in termini di prestazioni. Siamo umani: ci sono le emozioni, la stanchezza, gli incidenti. Manca un pochino di equilibrio. Capisco che ci siamo abituati ai Federer-Djokovic-Nadal che hanno dominato il tennis facendo sembrare normale essere numero uno per dieci anni, invece non lo è“. E invece, prosegue il tennista romano, “sembra che per alcuni la felicità dipenda se vinco o perdo io, e sfogano così la loro frustrazione. A me spiace esserne il mezzo. Per me lo sport dovrebbe essere usato come gioia: ci si può arrabbiare per la sconfitta, ma non insultare”.

FONTE DIRE – www.dire.it

È SUCCESSO OGGI...