Cori e applausi per Maria De Filippi ai funerali di Maurizio Costanzo

0
Cori e applausi per Maria De Filippi ai funerali di Maurizio Costanzo

Condividi

Completo scuro e occhiali neri, la conduttrice tv è arrivata a piazza del Popolo poco prima dell’inizio della funzione con il figlio Gabriele

Completo scuro e occhiali neri. Maria De Filippi è arrivata a piazza del Popolo poco prima dell’inizio dei funerali di Maurizio Costanzo, scomparso venerdì scorso a Roma all’età di 84 anni. Per lei cori e applausi di sostegno, lo stesso che ha avuto costantemente dal figlio Gabriele, con il quale è entrata nella Chiesa degli Artisti.

LEGGI ANCHE: FOTO | VIDEO | Da Meloni a Fiorello, in tanti in Campidoglio per l’ultimo saluto a Maurizio Costanzo

Ieri la nota conduttrice tv è finita al centro delle polemiche per un selfie chiesto da un fan nella camera ardente al Campidoglio. Maria De Filippi e Maurizio Costanzo erano sposati dal 1995. Lui aveva dichiarato che il giorno delle nozze aveva pensato di voler “morire nelle mani di lei“. Non sappiamo se il suo desiderio sia stato esaudito. La morte è sopraggiunta all’improvviso, a seguito di un semplice intervento operatorio, e ha colto alla sprovvista la stessa De Filippi.

Maurizio Costanzo & Maria De Filippi, 23 anni di differenza, una coppia indissolubile, sia a casa sia in tv di cui hanno indiscutibilmente fatto la storia. Solo la morte di lui avvenuta a Roma 84 anni il 24 febbraio 2023 li ha potuti separare. Ma loro restano certamente un duo inscindibile, da quando si sono conosciuti alla fine degli anni ’80. E in effetti anche Maria De Filippi è stata una delle felici intuizioni di successo di Maurizio Costanzo: fu lui a lanciarla la prima volta nella conduzione di “Amici”. E ci vide giusto. Oggi sarà lei a portare avanti l’importante eredità televisiva dei due.

Il loro matrimonio dura da 27 anni, si sono sposati il 28 agosto del 1995 in Campidoglio. A celebrare la loro unione fu Francesco Rutelli, pronunciò una frase diventata un impegno: “Mi fermo qui”. Si erano conosciuti alla fine degli anni ’80 a Venezia in occasione di un convegno sulla pirateria. Lui rimase folgorato e la invitò a lavorare a Roma. Costanzo veniva già da 3 matrimoni e altre relazioni più o meno durature. Era stato sposato nel 1963 con la fotoreporter Lori Sammartino, poi dal 1973 al 1984, il matrimonio con la giornalista Flaminia Morandi, dalla quale ha avuto due figli: Camilla e Saverio Costanzo (noto regista de il regista de L’amica geniale e La solitudine dei numeri primi). L’ultimo matrimonio quello con la conduttrice televisiva Marta Flavi è durato formalmente dal 1989 al 1995.

La differenza di età per loro non è mai stato un problema. Ma quando Costanzo andò a conoscere i genitori di Maria De Filippi riuscì a vincere anche le resistenze di mamma Pina e papà Giovanni che in un primo momento storsero il naso: lui non solo veniva da 3 matrimoni ma era anche molto più grande. “Maurizio – raccontò Maria a Domenica in – fu un paravento come al solito, lo intervistò senza farlo parlare e tornammo a Roma felici e contenti”. Dopo anni di fidanzamento i due decisero di sposarsi. Una decisione che avvenne dopo un evento traumatico per la coppia: l’attentato di via Fauro a cui scamparono miracolosamente.ùEra il 14 maggio 1993 quando Costanzo fu preso di mira da Totò Riina e i suoi, tra cui Matteo Messina Denaro, per il suo impegno contro la mafia. Così, mentre usciva dal Teatro parioli, una Fiat Uno imbottita di tritolo esplose. Per un puro caso l’auto su cui viaggiavano Costanzo, De Filippi e il loro autista tardò e riuscirono a salvarsi. “Quello che è successo ha segnato un prima e un dopo – ha raccontato in una delle ultime interviste a Repubblica- Ma siamo stati molto fortunati, ci siamo salvati tutti: io, Maria, l’autista e il cane. Se devo essere sincero mi ha fatto più impressione il teatro, ricordo ancora i cani della polizia che fiutavano nei camerini”.

Però una cosa l’avevano capita: volevano passare tutto il resto della vita insieme. “Capii una cosa fondamentale: è lei la persona che voglio che mi tenga la mano quando morirò”, ha detto recentemente Costanzo. Dopo il matrimonio in Campidoglio, pochi invitati e molte telecamere, la scelta di prendere in affido nel 2002 un bambino, Gabriele, all’epoca di dieci anni, adottato definitivamente due anni dopo e che oggi lavora nella redazione di Uomini e donne.

La loro è stata anche un’unione professionale sugellata dalla fascino, società che ha esordito nel 1982 con la produzione del Maurizio Costanzo Show e poi ha realizzato negli anni tutti i programmi di maggior successo della Mediaset come Amici a Uomini e donne a C’è posta per te. Fu Costanzo a mandare de Filippi in onda per la prima volta. “Non ci fosse stato Maurizio non sarei andata in onda, ero considerata un’idiota… Però, sia chiaro, li capivo, gli altri. Pensavano è quella del momento, lasciamo a Costanzo lo sfizio di mandarla in video, l’anno prossimo ce ne sarà un’altra”. E così una giovanissima Maria De Filippi butta in tv il 26 settembre 1992, subentrando a Lella Costa (che era rimasta incinta) nella conduzione di Amici.

Tempo fa circolò la voce che i due dormivano in letti separati e qualcuno ipotizzò che si fossero separati. Era stato poi lo stesso Maurizio Costanzo a spiegare a Vanity Fair il motivo del talamo nuziale separato: “Sono uno che guarda la televisione fino a tarda notte, anzi fino al mattino, insopportabile. Avremmo finito per litigare. Oltretutto prima russavo pure”. E avevano ironizzato sul loro rapporto: “Io sono un vecchio goloso finito con una che lo tiene a stecchetto. Maria mi bullizza, non mi rivolgo ad Amnesty International, però…”. Poi più serio: “Lei rappresenta la donna più importante che io abbia incontrato”.

Qualche anno fa a Domenica in avevano provato a scherzare sulla morte: “Lo sai che a me non piace andare ai funerali”, aveva ironizzato De Filippi. E Costanzo di rimando: “Ma lì ce devi veni’ per forza”. Qualche mese fa, però, in un’intervista a Oggi, la conduttrice aveva confessato: “Non so se ne sarò capace, se avrò la forza e il coraggio di tendergli la mia mano quel giorno lì. Troppo dolore. Non voglio che mi resti come ultimo ricordo l’intreccio di quelle dita”.

LEGGI ANCHE: In migliaia sotto la pioggia in piazza del Popolo per i funerali di Maurizio Costanzo

 

 

È SUCCESSO OGGI...