Sanremo 2023, Giorgia canta ‘Parole dette male’: il testo della canzone

0
Sanremo 2023, Giorgia canta ‘Parole dette male’: il testo della canzone

Condividi

La cantante torna all’Ariston a 22 anni da “Di sole e d’azzurro” con un brano sulla capacità di lasciare andare

Giorgia torna a Sanremo a 22 anni da ‘Di sole e d’azzurro‘, con ‘Parole dette male‘, un brano che “racconta di un saper lasciare andare”, ha spiegato la stessa cantante, che ha precisato come la canzone non parli però di Alex Baroni. La cantante, secondo i bookmaker, è una degli artisti favoriti per il podio, insieme Marco MengoniGiorgia e Ultimo, seguiti da Elodie e Madame, quest’ultima rimasta in gara nonostante le polemiche sorte per lo scandalo vaccini. Ma c’è grande attesa anche per i Modà e Levante, che affrontano nei loro brani il tema della depressione, mentre ad infiammare il dibattito politico c’ha già pensato Rosa Chemical, attaccato da Fratelli d’Italia a causa del suo brano che inneggia all’amore libero. I giochi però sono tutt’altro che fatti e a sfidarsi non saranno solo gli artisti sul palco dell’Ariston ma anche i telespettatori, attraverso il Fantasanremo, gioco virtuale che ha spopolato nella scorsa edizione e che sta registrando numeri da record anche per Sanremo 2023.

SANREMO 2023, IL TESTO DELLA CANZONE ‘PAROLE DETTE MALE’ DI GIORGIA

Ogni tanto ti vedo in giro
Ma poi non sei tu
E quante macchine come la tua
Dello stesso blu
La mia pelle è il mio foglio bianco
E ci scrivo su
Pensieri brevi lunghi una vita
Forse di più
Non sei più mio ricordo sei un’allucinazione
Chiudo ancora i miei occhi
Quando sento il tuo nome
Il cielo che crolla giù
E io non ragiono più
E tu alla fine eri una bella canzone
La prima fuga al mare in moto d’estate
Le tue risate e fare i cretini nei prati
Andare a dormire ancora bagnati
Alla fine eri una bella canzone
Che non si può ascoltare a ripetizione, maledizione!
Ricordo le ultime parole
Quelle dette male, maledette
Ci sono cose che non ho deciso
Tipo cosa farò
Galleggiare senza direzione
Finché mi ritroverai
Ogni volta che vedo il mare
Io cresco un po’
Qualcuno ha messo il tuo stesso profumo
Cambia il colore al pomeriggio però
È un pensiero profondo
Come un capello biondo
Conficcato là in testa
Che mi dice che il mondo
Ora non esiste più e io non ragiono più
E tu alla fine eri una bella canzone
La prima fuga al mare in moto d’estate
Le tue risate e fare i cretini nei prati
Andare a dormire ancora bagnati
Alla fine eri una bella canzone
Che non si può ascoltare a ripetizione, maledizione!
Ricordo le ultime parole
Quelle dette male, maledette
Non tutto è finto nei film, la realtà forse sì
Non tutto è finto nei film, la realtà forse sì
E tu alla fine eri una bella canzone
Tutta la luce l’alba che brucia le mie paure
Eri una bella canzone, maledizione!
La mia maledizione
E tu alla fine eri una bella emozione
Che non si può provare a ripetizione,
La mia canzone
Ricordo le ultime parole
Quelle dette male, maledette

FONTE DIRE

È SUCCESSO OGGI...