Parla la mamma del neonato morto a Roma: “Avevo chiesto più volte aiuto. Mi hanno ignorata”

0
Parla la mamma del neonato morto a Roma: “Avevo chiesto più volte aiuto. Mi hanno ignorata”

Condividi

Sono ancora in corso le indagini della procura di Roma per omicidio colposo e si attendono i risultati dell’autopsia

Ero felice, era accanto a me. Poi mi sono risvegliata e lui non c’era più“. Dopo tanti commenti a parlare, intervistata da Repubblica, è la mamma del neonato morto all’ospedale Sandro Pertini di Roma: “Avevo chiesto più volte aiuto al personale per gestire il bambino, ma nessuno mi è venuto in soccorso. Mi hanno ignorata“. La donna che aveva partorito un bimbo sano, di 3 chili e 400 grammi e che aveva chiamato Carlo Mattia, è devastata dalla perdita del suo bambino, morto probabilmente per soffocamento nel sonno, nel reparto di Ostetricia e ginecologia del nosocomio romano. Sono ancora in corso le indagini della procura di Roma per omicidio colposo su segnalazione dell’ospedale e si attendono i risultati dell’autopsia per stabilire le cause della morte.

LEGGI ANCHE: Neonato morto a Roma, parla anche Chiara Ferragni”: Con Leone appena nato ho rischiato di addormentarmi, donne lasciate sole”

Non dormo da diverse notti, sono stremata“, confessa la mamma che ripercorre la vicenda di quella sera tra il 7 e l’8 gennaio: “L’infermiera mi ha informata di quanto era successo. Non ho capito più niente, mi hanno subito cambiato di stanza. Ho 10 minuti di vuoto“, che forse le sue tre compagne di stanza potranno aiutare a ricostruire.

LEGGI ANCHE: Neonato morto a Roma, il papà: “La mamma sfinita aveva implorato di portarlo al nido”

La donna, a quanto riporta, aveva chiesto più volte aiuto. “Non è mai arrivato nessuno, non mi davano ascolto. Ho 29 anni ma ero stremata dalla fatica. Il travaglio era durato più di dieci ore, è stato un parto naturale – dice -. La mia vita è rovinata, non sparate sentenze. Ci sono informazioni che potremo avere solo dall’autopsia. Ancora non sono certa di niente. Ripeto, io lo avevo accanto mio figlio. Poi non l’ho visto più. Non si sa se sia morto soffocato. Come si fa a dirlo prima? Più leggo e più sto male, la mia vita è rovinata. Non sparate sentenze prima dei risultati delle indagini. Adesso però voglio solo piangere mio figlio, lasciatemi un po’ in pace. Sono un’educatrice e aiuto gli altri. Adesso non sono in grado di aiutare nemmeno me”.

FONTE DIRE

È SUCCESSO OGGI...

Binari del 1979 e nessuna manutenzione, ecco perchè a Roma si ferma la metro...

0
"È un'infrastruttura in condizioni disastrose", ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, che ha effettuato un sopralluogo a Lepanto

Roma, 23enne muore investito da un bus: mistero sulla dinamica

0
Ennesima tragedia a Roma: un rider kenyota di 23anni è stato travolto da un bus-navetta nella rotatoria di piazza Re di Roma, nel quartiere Appio-Tuscolano. L’incidente è avvenuto intorno alle 20 di sabato 28 gennaio. Il mezzo coinvolto è una navetta privata che collega la stazione Termini all’aeroporto. Gli inquirenti indagano sulle dinamiche del sinistro, ancora avvolte nel mistero.

Tre operatori Ama aggrediti, “denunciarono furti carburante”

0
Ieri mattina intorno alle 5, mentre stava entrando nella sede operativa di piazza Sapri, a Castro Pretorio, un tecnico di Ama è stato aggredito da un uomo armato di un oggetto tagliente.

Anarchici: scontri a Roma, 41 persone denunciate

0
Sono 41 i soggetti identificati e denunciati dalla Polizia di Stato all'autorità giudiziaria in relazione agli scontri avvenuti ieri nella zona di Trastevere tra militanti anarchici