DiMartedì non andrà in onda questa sera, 17 gennaio 2023. Ecco perchè

0
DiMartedì non andrà in onda questa sera, 17 gennaio 2023. Ecco perchè
DiMartedì Floris

Condividi

Il palinsesto di La7 è stato completamente modificato. Oggi infatti, martedì 17 gennaio 2023, Omnibus, L’aria che tira e Tagadà non andranno in onda. A questi si aggiunge anche DiMartedì previsto per questa sera.

Sono molti i telespettatori che si stanno chiedendo cosa stia accadendo. Nell’emittente di Urbano Cairo – riporta ilmessaggero.it – è in corso uno sciopero dei lavoratori non giornalistici che dovrebbe durare sino a fine giornata. Si tratta della protesta inizialmente indetta per il 13 gennaio, causando la cancellazione di Propaganda Live, e rimandata a oggi.

La7 cancella tutti i programmi. Ecco perchè

A spiegare le motivazioni per il quale sono stati cancellati i programmi di La7 è un comunicato della rappresentanza dei lavoratori: «I lavoratori di La7 hanno sempre dimostrato di avere le capacità professionali di adeguarsi ai diversi scenari di mercato nonostante le difficoltà degli ultimi anni» e che «si richiede pertanto all’Azienda l’introduzione di modalità lavorative in linea con i tempi che tengano conto della relazione tra lavoro e vita privata, i dovuti riconoscimenti professionali e la gestione di un clima aziendale positivo, fondamentale alla crescita dell’azienda stessa».

DiMartedì non andrà in onda questa sera, martedì 17 gennaio 2023

Anche DiMartedì, dunque, non andrà in onda questa sera, martedì 17 gennaio 2023.

In questa stessa nota è stato evidenziato come «gli ultimi vari incontri con l’Azienda, che avevano per tema i livelli professionali, il premio di risultato, la flessibilità oraria e lo smart working, si sono conclusi con esito negativo»

E poi: «Le nostre rivendicazioni sono la richiesta di trasformare concretamente le parole in azioni tangibili per mezzo di riconoscimenti professionali, miglioramento della qualità lavorativa e tramite un contributo economico una tantum per il quotidiano e straordinario impegno sostenuto nell’anno appena passato».

Solidale anche il Comitato di redazione: «Ai colleghi non giornalisti (…) per chiedere all’azienda un giusto riconoscimento per lo sforzo profuso in questi anni, la stabilizzazione dei precari, un accordo sullo smart working e la flessibilità oraria, progetti e investimenti per lo sviluppo dell’emittente che, con il suo successo editoriale e grazie al lavoro di giornalisti e non giornalisti, contribuisce in modo decisivo ai risultati conseguiti dall’intero gruppo».

n seguito allo sciopero dei lavoratori de La7, non vanno quindi in onda: Omnibus, L’aria che tira di Myrta Merlino, agadà, condotto da Tiziana Panella e, in più – essendo il giorno di Giovanni Floris -, è coinvolto anche DiMartedì.

Discorso differente dovrebbe esserci per il preserale di Caterina Balivo, Lingo – Parole in gioco, in quanto programma registrato potrebbe essere regolarmente trasmesso, ma sulla sua messanon è ancora stato comunicato nulla.

È SUCCESSO OGGI...