Serie A, la classifica dei migliori capocannonieri a segno nel primo tempo fino alla 15esima giornata

0
Serie A, la classifica dei migliori capocannonieri a segno nel primo tempo fino alla 15esima giornata

Condividi

Dopo la lunga sosta per i mondiali in Qatar, il conto alla rovescia è iniziato e ci si avvicina sempre di più alla ripresa del campionato di Serie A. Mercoledì 4 gennaio sarà il giorno nel quale si tornerà in campo per la sedicesima giornata.

Sarà una specie di ritorno al passato, con tutte le partite che si giocheranno in una sola giornata anche se non mancherà l’ormai consueto spezzatino per quanto riguarda gli orari. Con la storica vittoria dell’Argentina di Leo Messi ai danni della Francia di Kylian Mbappé, per le squadre e i giocatori di Serie A è insomma tempo di pensare alla ripresa del campionato. Saranno tanti i punti interrogativi di questa ripartenza, a partire dalla condizione fisica di ogni squadra senza gare ufficiali da quasi due mesi anche se nelle ultime settimane tutti hanno disputato diverse amichevoli per ritrovare il ritmo partita. 

Tutte le incognite della ripresa di Serie A

Si ripartirà con il Napoli capolista in vetta, a +8 sul Milan e +10 sulla Juventus, le due inseguitrici che guidano un gruppetto di sei squadre racchiuse in altrettanti punti, per una corsa all’Europa più equilibrata e combattuta che mai.

Altro fattore importante che riguarda principalmente le big del campionato è rappresentato da quei giocatori che hanno disputato il mondiale e che torneranno a disposizione dei propri allenatori verso fine anno. Molte società, inoltre, hanno già definito le varie strategie in vista dell’apertura del calciomercato, il 2 gennaio e diverse squadre cambieranno volto. 

Come stanno le squadre alla ripresa del campionato

Il Napoli, unica imbattuta del campionato italiano, avrà l’obbligo di continuare il proprio cammino sulla falsa riga di un inizio di stagione da sogno. Il Milan vuole puntare allo scudetto e si attende il rientro di due uomini chiave come Olivier Giroud e Theo Hernandez, i grandi delusi del Mondiale di Qatar 2022 sconfitti ai rigori dall’Argentina. La Juventus, sembrerebbe la più ‘in palla’ in questo periodo di sosta. L’Inter si appresta a riabbracciare un campione del mondo, Lautaro Martinez.

Atalanta e Lazio hanno mostrato buoni segnali in queste settimane di lavoro con il campionato in pausa, chi ha faticato più di tutte invece è stata la Roma: la squadra di José Mourinho. Per quanto riguarda la lotta salvezza record di punti in negativo per le ultime tre classificate, Verona, Sampdoria e Cremonese con quest’ultima ancora alla ricerca della prima vittoria. Grande attesa anche per il destino della Sampdoria, in grave crisi finanziaria e ancora alle prese con la delicata questione della cessione della società. Anche il Verona, dopo due cambi di allenatore, con il nuovo d.s Sogliano è chiamato a una rivoluzione sul mercato di gennaio. L’Empoli, al momento, ha accumulato un discreto tesoretto sulla terz’ultima, sono 10 i punti di vantaggio sulla Cremonese ma gli azzurri saranno alla prese con un calendario difficile con tre gare su quattro in trasferta tra cui Lazio e Inter. 

La classifica capocannonieri di Serie A nel primo tempo

Nei giorni scorsi avevamo fatto un resoconto sulle prime 15 giornate disputate fino alla sosta Mondiale per quanto riguarda i capocannonieri in trasferta. Oggi, invece, andremo ad analizzare la classifica dei bomber che hanno lasciato il segno nel primo tempo della stagione in corso, sempre per quanto riguarda le prime 15 giornate. 

Nonostante l’infortunio che lo ha lasciato per diverse settimane lontano dai campi da gioco, Osimhen si dimostra implacabile sotto porta nei primi 45 minuti, con ben 6 reti realizzate fino ad oggi. Al secondo posto un giocatore che non è propriamente un bomber di razza, ma che si è rivelato decisivo in molte gare, troviamo Zaccagni della Lazio con 5 goal: centrocampista inafferrabile fatale sotto porta.

La terza posizione, con 4 goal all’attivo nel primo tempo, ci sono diversi giocatori. Tra questi il neo campione del Mondo argentino Paulo Dybala, fantasista della Roma e della nazionale. A seguire abbiamo il georgiano Kvaratskhelia, rivelazione del Napoli, Arnautovic, bomber del Bologna, Lautaro Martinez, altro campione del mondo in quota Inter, il nerazzurro Barella e Nzola dello Spezia.

È SUCCESSO OGGI...