Stasera la finale di Ballando con le Stelle, la Lucarelli contro tutti: parla Milly Carlucci

0
Stasera la finale di Ballando con le Stelle, la Lucarelli contro tutti: parla Milly Carlucci
Ballando con le stelle

Condividi

Mancano poche ore alla finale e la conduttrice del talent show parla degli scontri e delle polemiche che hanno caratterizzato questa edizione

Conto alla rovescia quasi terminato per Ballando con le stelle. Domani verrà decretato il vincitore dell’edizione 2022 del talent show. Un anno da record per quanto riguarda gli ascolti che, come e più di sempre, hanno raggiunto cifre di tutto rispetto (3,6 milioni di spettatori in media, pari al 25.7% di share).

Ad intrattenere il pubblico a casa non sono state però solo le star alle prese con giravolte e fantasiose coreografie, ma anche polemiche e battibecchi, che, specie in questa edizione non sono mancati. Dall’eliminazione di Enrico Montesano a causa della maglia della Decima Mas, all’insulto di Iva Zanicchi a Selvaggia Lucarelli, di scintille ce ne sono state a volontà. E proprio Lucarelli è stata spesso al centro di scontri accesi con i concorrenti del talent, tanto che anche un altro membro della giuria, Guillermo Mariotto l’ha definita “una scimmia arrabbiata che getta escrementi a tutti“.

A smorzare le polemiche, a poche ore della finale, è stata la padrona di casa Milly Carlucci, che in un’intervista al Corriere della Sera ha dichiarato: “Siamo un gruppo di amici che si sfottono e dicono cose anche sopra le righe, ma alla fine sono amici. Giochiamo tutti al gioco della televisione che non cambia i destini del mondo“.

“Selvaggia si fa indubbiamente notare ma tutta la giuria è composta da persone con grande carattere ed è quello che ci vuole per fare televisione”, ha aggiunto la conduttrice. Riguardo allo scontro Zanicchi-Lucarelli, dopo che la cantante ha definito la giornalista una ‘tr…a’, Carlucci ha commentato: “Le è uscita una parola sbagliata e ha capito di aver passato il segno: si è scusata in tutti i modi possibili, con grande umiltà”.

FONTE DIRE www.dire.it

È SUCCESSO OGGI...