Minacce di morte alla Meloni e alla figlia: «Se togli il Reddito di Cittadinanza ti ammazzo»

0
Minacce di morte alla Meloni e alla figlia: «Se togli il Reddito di Cittadinanza ti ammazzo»

Condividi

Giorgia Meloni e la sua famiglia sono state minacciate di morte da alcuni utenti sui social con l’accusa di voler eliminare il Reddito di Cittadinanza.

Minacce di morte per Giorgia Meloni e sua figlia

L’account Twitter di Fratelli d’Italia ha raccolto una serie di messaggi di minacce minatorie, indirizzati soprattutto a Giorgia Meloni, ma anche anche alla figlia e ad altri suoi familiari. Un’ondata di odio social scatenatasi sul nuovo governo, in particolare sul reddito di cittadinanza.

 

Nei giorni scorsi, infatti, nella prima puntata della rubrica “Gli appunti di Giorgia“, la leader di FdI si era espressa così:

«Più percepirai il Reddito più sarai povero e difficile da reinserire nel lavoro. Io voglio regalare la dignità del lavoro a persone che non meritano di essere mantenute».

Un messaggio che non è stato digerito da molti utenti del web, che non hanno tardato a rispondere, anche con toni coloriti, sfociati in vere e proprie minacce.

La replica di Fazzolari e di Rotondi

Tra i primi ad esprimersi sull’accaduto è stato il sottosegretario all’attuazione del programma di governo, Gianbattista Fazzolari, che ha definito l’episodio come «inqualificabile» e «prodotto del clima di odio fomentato dalla narrazione falsa di chi sul disagio sociale cerca di lucrare facili consensi».

Sempre su Twitter è arrivata anche la solidarietà del deputato centrista Gianfranco Rotondi:

«Non sottovalutiamo odio social. Il Paese ha bisogno di serenità e riconciliazione, ma a quanto pare non basta il profilo moderato e quasi dc di Giorgia Meloni. Continua l’attacco social oltre i confini dell’odio. Dove vogliamo arrivare?».

Le parole di Speranza: “Solidarietà a Giorgia Meloni”

Anche l’ex ministro per la Salute, Roberto Speranza, sollevato dall’incarico proprio con il nuovo Esecutivo, ha mostrato pubblicamente il proprio sostegno alla Meloni dopo le minacce ricevute, soprattutto a quelle legate alla famiglia:

 

È SUCCESSO OGGI...