Fuori dal coro, stasera ultima puntata poi lo stop. Ospiti e anticipazioni

0

Questa sera andrà in onda una nuova puntata di Fuori dal coro Fuori dal coro, il talk show condotto da Mario Giordano in cui vengono dibattuti i temi più caldi di attualità, politica ed economia con diversi ospiti. Quello di martedì 29 novembre 2022 è l’ultimo appuntamento su Rete 4, prima delle tanto discusse “vacanze di Natale”.

Ultima puntata di Fuori dal cro poi lo stop

Lo stop invernale del programma di Mario Giordano è più lunga di quanto in realtà accade di solito (due, massimo tre settimane). Anche se in un primo momento si era parlato di una chiusura ancora più lunga (novembre – febbraio), stasera martedì 29 novembre 2022 alle 21.26 va in onda l’ultima puntata dell’anno del programma. Questa decisione può essere dovuta a due fattori.

Da una parte, si hanno gli alti costi di produzione, sensibilmente maggiori a quelli degli altri talk show dell’emittente, dall’altra le polemiche attorno alle scelte editoriali del conduttore, che spesso hanno generato il malcontento tra i vertici Mediaset, poiché giudicate eccessivamente di rottura su tematiche delicate come quelle dei vaccini, della gestione della pandemia e dei rapporti con l’Europa. Ma ecco tutte le polemiche di quest’anno.

Prostituzione minorile

Le anticipazioni di Fuori dal Coro mostrano che, oltre a ciò, ci sarà una pagina sul business dell’accoglienza, in particolare a chi si arricchisce sulle spalle di immigrati che vivono in condizioni precarie e gli ultimi aggiornamenti sulle occupazioni abusive di case private. Infine, un approfondimento sull’allarme della prostituzione minorile sul web e sulle conseguenze psicologiche sui più giovani delle piattaforme che promettono guadagni facili in cambio di contenuti sessualmente espliciti. Fuori dal Coro tornerà in onda dopo le festività il 10 gennaio 2023. Le polemiche di quest’anno.

Le trattative con Putin

Nel corso della puntata dello scorso 11 ottobre, Mario Giordano aveva invocato le trattative con la Russia in seguito all’invasione militare nel territorio ucraino. “Non stiamo difendendo Vladimir Putin, nessuno lo vuole fare. Vogliamo difendere Tamara, Michela, Sebastiano, Stella, Alessandro… Vogliamo difendere gli italiani, i nostri figli, il nostro futuro, i nostri Paesi. Quello bisogna difendere! Putin è cattivo, Putin è il cattivo, eh ma la pace si fa trattando coi cattivi. O si accettano la guerra atomica e la guerra mondiale o bisogna trovare una via d’uscita, allora dobbiamo chiederci che cosa stiamo facendo per trovare una via d’uscita.

Non dobbiamo continuare ad andare dietro con il paraocchi al presidente ucraino, che però oggi ha ribadito per decreto che non ci sarà nessuna trattativa”, questo era stato il monologo del conduttore in merito alla guerra Russia-Ucraina, che aveva scatenato le critiche. Nel suo mirino era, infatti, finito anche Volodymyr Zelensky, che l’Occidente avrebbe seguito, nella sua opinione, in modo acritico. E ancora, Giordano aveva spiegato che a suo giudizio Zelensky aveva tutte le ragioni di fare quel che stava facendo, ma che era arrivato il momento di dare più peso alle durissime conseguenze economiche che la guerra sta determinando in Europa come in Italia.

Vaccini anti-Covid

Le posizioni di Mario Giordano sulla gestione della pandemia e sui vaccini anti-Covid non sono di certo un segreto. Da tempo, infatti, il conduttore di Fuori dal coro si dice dubbioso della loro efficienza. “Finalmente si possono riammettere i medici non vaccinati negli ospedali, si possono sospendere i bollettini Covid quotidiani. Da noi sono però spuntati subito i nostalgici del Covid, tra i quali c’è anche Sergio Mattarella, che ha parlato di Covid non sconfitto. L’epidemiologo Mattarella. Poi tutti i viro-medici, le viro-star, i Remuzzi, i Galli, i Crisanti e tutti quanti, che sono quasi dispiaciuti che finisca l’emergenza. Ma io li capisco…”, affermava il conduttore durante la puntata del 1° novembre 2022.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, 23enne muore investito da un bus: mistero sulla dinamica

0
Ennesima tragedia a Roma: un rider kenyota di 23anni è stato travolto da un bus-navetta nella rotatoria di piazza Re di Roma, nel quartiere Appio-Tuscolano. L’incidente è avvenuto intorno alle 20 di sabato 28 gennaio. Il mezzo coinvolto è una navetta privata che collega la stazione Termini all’aeroporto. Gli inquirenti indagano sulle dinamiche del sinistro, ancora avvolte nel mistero.

Binari del 1979 e nessuna manutenzione, ecco perchè a Roma si ferma la metro...

0
"È un'infrastruttura in condizioni disastrose", ha detto il sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, che ha effettuato un sopralluogo a Lepanto

Anarchici: scontri a Roma, 41 persone denunciate

0
Sono 41 i soggetti identificati e denunciati dalla Polizia di Stato all'autorità giudiziaria in relazione agli scontri avvenuti ieri nella zona di Trastevere tra militanti anarchici

Tre operatori Ama aggrediti, “denunciarono furti carburante”

0
Ieri mattina intorno alle 5, mentre stava entrando nella sede operativa di piazza Sapri, a Castro Pretorio, un tecnico di Ama è stato aggredito da un uomo armato di un oggetto tagliente.