ELEZIONI, MONTINO: “CI ASPETTAVAMO LE DIMISSIONI DI LETTA E DEL GRUPPO DIRIGENTE”

0
ELEZIONI, MONTINO: “CI ASPETTAVAMO LE DIMISSIONI DI LETTA E DEL GRUPPO DIRIGENTE”

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Ci saremmo aspettati una conferenza stampa in cui il segretario Letta, dato il risultato disastroso, annunciava le dimissioni non solo due, ma di tutto il gruppo dirigente. Per dare una scossa ad un partito in evidente difficoltà, una sferzata necessaria”. Così su Facebook il sindaco di Fiumicino ed ex parlamentare del Pd, Esterino Montino. “Una conferenza stampa in cui si annunciava la nomina di un reggente che traghettasse il partito verso il congresso- ha spiegato Montino- È necessario rompere la cappa correntizia che opprime le forze migliori del PD e che mantiene i soliti ai vertici da oltre 10 anni, passando da una sconfitta all’altra, senza mai una vera presa di coscienza degli errori fatti. Invece di avere una reazione forte e immediata, una scossa vera, si pensa sempre di andare avanti con il solito tran tran. Un modo come un altro per perpetuare lo stesso gruppo dirigente. Non c’è paese democratico in cui il leader del partito sconfitto non si dimetta il giorno dopo. Questo mi sarei aspettato da un segretario che ha fatto dell’europeismo la sua cifra”. “Facciamo davvero una discussione sul congresso- ha continuato Montino- La dirigenza ha sbagliato tutto, a partire dalle alleanze. Prima ha liquidato in modo semplicistico il rapporto con il M5S seguendo l’elite dell’opinione pubblica e sottovalutandone il radicamento popolare. Ha sbagliato il rapporto con i riformisti la cui presenza in coalizione, nonostante l’arroganza, avrebbe portato ad un risultato diverso. Per non parlare delle parole d’ordine, dell’indicazione delle cose da fare. Una incomprensibile timidezza su passaggi epocali: lavoro, i diritti, le tasse, le questioni economiche”. “Abbiamo oscillato tra il balbettio e i grandi proclami lontani dalla necessità delle persone di comprendere in modo chiaro quale è il contenuto vero, la visione del Paese. Il partito se si vuole riprendere ha bisogno di essere completamente rinnovato- ha aggiunto Montino- I parlamentari eletti possono fare il loro lavoro senza per forza guidare anche il partito. Smettiamola con le triple e quadruple collocazioni che ingessano il partito. Si misurassero sui territori, ma lasciassero fare al partito la sua strada”. “C’è una base giovane, una nuova classe dirigente di amministratori, militanti, attivisti a cui va dato spazio in modo deciso e convinto, se davvero si vuole ripartire e ridare vitalità al Partito Democratico”, ha concluso Montino.

È SUCCESSO OGGI...

Auto fuori strada, 4 giovanissimi morti nell’impatto: avevano da 19 a 22 anni

0
L'ennesimo drammatico incidente stradale. Quattro giovani dell'alto Tevere umbro, sono morti nella notte in uno schianto avvenuto in località Altomare a San Giustino Umbro.

Roma, investito e ucciso sulla Nomentana

0
La vittima aveva 61 anni, lavorava nella capitale ma era di Monastier, in provincia di Treviso. È stato rinviato a giudizio lo scooterista di 48 anni di Guidonia

Roma più “verde”, 69 milioni per nuovi alberi e la riqualificazione di parchi e...

0
Il sindaco Gualtieri e l'assessore Alfonsi presentano il piano per rendere Roma più 'verde', da Villa Ada a Castel Fusano. Gli interventi finanziati con 69 milioni

Ecco i nuovi cassonetti di Roma, si parte da viale Libia e via Appia...

0
Arrivano a Roma i nuovi cassonetti per la raccolta dei rifiuti su strada. Sono più grandi e capienti, non si potranno spostare nè rovesciare e avranno una nuova forma a campana

Roma: fuochi d’artificio, rose e fumogeni per il funerale del boss Biagio Sparapano

0
Una specie di tributo al boss con fuochi d’artificio, lancio di rose, fumogeni e un corteo accompagnato dal suono dei clacson: così è stata celebrata la scomparsa del boss Biagio Sparapano.