METEO, IL MALTEMPO NON È FINITO: GRANDINE, FREDDO E VIOLENTI TEMPORALI IN ARRIVO

0
METEO, IL MALTEMPO NON È FINITO: GRANDINE, FREDDO E VIOLENTI TEMPORALI IN ARRIVO

ARTICOLI IN EVIDENZA

L’area di saccatura responsabile del maltempo che ha colpito l’Italia centro settentrionale nelle ultime 24-48 ore resta ancora molto attiva anzi nel corso della nottata ha sviluppato un minimo di bassa pressione fittizio sull’area tirrenica che le darà nuova energia. La perturbazione associata a questo minimo ha gradualmente preso forma nell’arco della tarda serata di domenica con dei temporali che hanno interessato il Nordovest e la Sardegna con accumuli fino a 25-30mm poi nelle prime ore del mattino di lunedì anche tutte le regioni centrali peninsulari dove attualmente piove diffusamente. 

Intanto si fa un primo bilancio del maltempo che ha colpito anche l’Italia centrale nella giornata di domenica, i danni sono ingenti soprattutto nell’anconetano dopo la violenta bufera di pioggia, vento e grandine che si è abbattuta su tutta la zona, anche sulla città di Ancona distruggendo auto, tetti, alberi e ferendo almeno 20 persone che sono dovute ricorrere a cure ospedaliere.

Danni ingenti sono stati registrati anche nella zona di  Rieti per un possibile tornado. Non è stato ancora ritrovato intanto l’uomo 38enne disperso nel varesotto, le probabilità di ritrovarlo in vita sono ormai quasi zero, sarà quindi la terza vittima di questa ondata di maltempo assieme alle due sorelline  di 3 e 14 anni uccise dalla caduta di un albero sulla loro tenda in un campeggio di Marina di Massa.

Nel corso della giornata ore il fronte attualmente in azione si compatterà ulteriormente e si arriccerà attorno al minimo che migrerà in serata sull’alto Adriatico interessando diffusamente l’Italia centrale e parte del Nord ma muovendosi con la sua parte meno attiva anche verso il Sud Italia. I fenomeni saranno localmente ancora forti. Nel contempo aria più fresca di matrice scandinava si infiltrerà sull’Italia centro settentrionale causando un ulteriore abbassamento delle temperature che porterà le massime sotto media. A Roma nel Lazio previsti violenti temporali nel corso della giornata.

Recrudescenza dell’instabilità sulle regioni centrali peninsulari con temporali anche diffusi e localmente di forte intensità su Lazio, Toscana, Umbria, medio Adriatico, non escluse ancora grandinate e colpi di vento. Poi il grosso dei fenomeni tenderà a spostarsi tra il tardo pomeriggio e la sera verso levante liberando gradualmente dal maltempo le regioni tirreniche. Il tempo volgerà invece verso un miglioramento sulla Sardegna già per il pomeriggio. Rovesci e temporaliintermittenti ma in forma più isolata sono attesi anche al Nord e saranno più probabili su Emilia Romagna, Triveneto e Liguria soprattutto dal pomeriggio quando il minimo tenderà a spostarsi verso l’alto Adriatico. Anche al Sud è atteso qualche piovasco o locale temporale, più probabile su Campania, Molise, nord Puglia e Sicilia.

RESISTE SOLE E CALDO ANCORA INTENSO ALL’ESTREMO SUD: le correnti fresche associate al vortice non raggiungeranno ancora le estreme regioni meridionali dove il sole sarà prevalente e le temperature rimarranno molto elevate. Le massime in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia sud orientale potranno raggiungere la soglia dei 36-37°C o persino superiori. Una diminuzione è attesa invece sulla Campania.

VENTI ANCORA FORTI, MARI LOCALMENTE AGITATI: la circolazione ventosa si manterrà ancora accesa sui bacini attorno alla Penisola, i venti saranno particolarmente intensi nel pomeriggio dai quadranti nord occidentali sul Tirreno centro meridionale mentre un libeccio moderato o forte continuerà ad interessare il medio alto Tirreno. Una rotazione dei venti è attesa anche sul medio alto Adriatico con venti che si disporranno da Nord entro sera. I mari saranno ancora tutti mossi o molto mossi, anche temporaneamente agitato nel pomeriggio il Tirreno meridionale.

È SUCCESSO OGGI...