CORONAVIRUS, A FIUMICINO STANNO ATTERRANDO TANTI POSITIVI CON UNA CARICA VIRALE ALTISSIMA. «SONO MOLTO CONTAGIOSI»

0
CORONAVIRUS, A FIUMICINO STANNO ATTERRANDO TANTI POSITIVI CON UNA CARICA VIRALE ALTISSIMA. «SONO MOLTO CONTAGIOSI»

ARTICOLI IN EVIDENZA

La paura della seconda ondata è molto alta. Soprattutto se si pensa al rientro a scuola di milioni di ragazzi e insegnanti fra pochi giorni. Ma a preoccupare, ora, sono evidentemente tutte quelle persone che sono andata in vacanza. «A Roma – si legge su Dagospia in un articolo di Lorenzo De Cicco per il Messaggero – stanno atterrando tanti super-spreader, cioè positivi con una carica virale altissima: non solo sono asintomatici, sono anche potenzialmente molto più contagiosi rispetto ai normali pazienti Covid: per questo rintracciarli subito è decisivo», avverte Pier Luigi Bartoletti, il responsabile dell’Uscar, l’unità speciale della Regione Lazio che macina ogni giorno centinaia di tamponi negli aeroporti di Ciampino e Fiumicino.
 
«Negli ultimi giorni – racconta il medico, dopo l’ennesima giornata passata ai gate del Leonardo da Vinci – stiamo scovando sempre più positivi con valori estremamente alti di antigene». Tradotto? «Hanno una carica virale, una capacità di infettare, molto più elevata rispetto ai livelli ordinari».
Da dove arrivano? «Il più delle volte dalla Spagna e dalla Grecia. Posso dare i dati di martedì: su 17 passeggeri positivi al Covid-19 che abbiamo scoperto qui a Fiumicino, 10 avevano una carica virale altissima. Uno arrivava da Mykonos, gli altri dalla Spagna». Rintracciare subito i super-spreader, appena scesi dall’aereo, è decisivo per evitare che il contagio si propaghi ulteriormente.
 
Negli aeroporti, – continua ancora l’articolo – per accorciare i tempi della diagnosi ed evitare di lasciar andare via passeggeri estremamente contagiosi, i camici bianchi stanno sfruttando i tamponi rapidi, che forniscono una risposta in mezz’ ora.
«Ho letto qualche strumentalizzazione in questi giorni – riprende Bartoletti – ma i nostri tamponi sono efficaci e validati dagli esperti del sistema sanitario regionale: non c’entrano nulla con quelli finiti nel tritacarne delle polemiche». Il problema semmai è un altro: poco più della metà dei passeggeri in arrivo da Malta, Croazia, Spagna e Grecia, si sottopone al tampone dentro gli scali. Tutti gli altri no, vanno via.
 «Il 60% si mette in fila in aeroporto – conferma il responsabile dell’Uscar – gli altri invece escono, vanno a casa». In teoria, dovrebbero presentarsi ai drive-in entro 48 ore, con l’obbligo nel frattempo di rimanere isolati. Ma come ha denunciato l’Asl Roma 1, più d’uno viola la quarantena. «Chiunque sarà scoperto positivo dopo un viaggio da Grecia o Spagna senza avere fatto il tampone – conclude Bartoletti – rischia molto».

È SUCCESSO OGGI...

ROMA, STUDENTE PRECIPITA DA SETTIMO PIANO, È GRAVISSIMO. GLI AMICI: «STAVAMO FACENDO UNA SPAGHETTATA»

0
Uno studente di 27 anni è precipitato dalla finestra dell'appartamento in cui vive a Roma assieme ad alcuni coinquilini. Il ragazzo è ora ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale San Giovanni Addolorata. Indagano i carabinieri...

Atac, fiamme su vettura fuori servizio. Nessun problema per le persone

0
Mentre percorreva Viale del Foro Italico rientrando in rimessa, intorno all'1.30, per ragioni da accertare su una vettura fuori servizio senza passeggeri si è sviluppato un incendio che ha interessato la parte...

Roma, presenza di feci di topo e formiche: chiuso locale

0
Proseguono  i servizi disposti con apposite ordinanze di servizio a firma del Questore di Roma, nella zona di competenza del commissariato Colombo, diretto da Isea Ambroselli.In campo, oltre agli agenti della Polizia...

ROMA, CONTROLLI ANTIDROGA: 5 PUSHER IN MANETTE IN 24 ORE

0
Non conoscono sosta i controlli antidroga dei Carabinieri del Comando provinciale di Roma nel centro storico e nelle periferie della Capitale. Nelle ultime 24 ore, in diverse aree della Capitale, i militari...

CORONAVIRUS, A FIUMICINO STANNO ATTERRANDO TANTI POSITIVI CON UNA CARICA VIRALE ALTISSIMA. «SONO MOLTO...

0
La paura della seconda ondata è molto alta. Soprattutto se si pensa al rientro a scuola di milioni di ragazzi e insegnanti fra pochi giorni. Ma a preoccupare, ora, sono evidentemente tutte...