Cgil Cisl Uil: “Regione blocchi i tentativi di dumping. La nostra reazione sarà durissima”

0
Cgil Cisl Uil: “Regione blocchi i tentativi di dumping. La nostra reazione sarà durissima”

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Un atto vergognoso sul piano morale e di aperta ostilità verso lavoratori che aspettano un rinnovo da 14 anni. I patti si onorano, Aiop Lazio dimostra una volta di più di comportarsi come il peggior datore di lavoro. Rifiutiamo questo gioco d’azzardo, prepareremo una reazione durissima”. E’ furiosa la risposta di Giancarlo Cenciarelli, Roberto Chierchia e Sandro Bernardini, dopo che all’incontro seguito alla manifestazione di questa mattina, l’associazione datoriale della sanità privata laica ha annunciato di non voler apporre la firma definitiva sulla preintesa sottoscritta il 24giugno scorso da tutte le associazioni imprenditoriali, fra cui Aiop nazionale.

 

La scusa, comunicata senza mezzi termini alla delegazione di Cgil Cisl Uil, è la poca fiducia che l’Aiop regionale riporrebbe nell’impegno delle istituzioni regionali rispetto all’incremento di tariffe e budget per il finanziamento dei servizi alla salute. Motivazione che però sembra nascondere le vere mire degli imprenditori: incassare risorse pubbliche fresche prima di rispettare il contratto. Un velato ricatto che rischierebbe di portare all’impasse il sistema sanitario regionale, di cui la sanità accreditata rappresenta il 40%, e di mettere in gravissima difficoltà i 25mila operatori che, insieme ai colleghi delle strutture pubblicche, hanno fin qui tenuto in piedi le prestazioni di cura e assistenza anche durante la pandemia e nonostante i diritti negati.

 

“Chi fa servizio pubblico non può fare dumping. Chi è pagato con soldi dei contribuenti deve essere in regola con le leggi e con i rinnovi di contratto e deve rispettare il diritto dei lavoratori al sacrosanto aumento salariale e alle tutele”, mettono in chiaro Cenciarelli, Chierchia e Bernardini. “La Regione Lazio deve intervenire subito: bisogna fare chiarezza, una volta per tutte, sulle conseguenza che devono ricadere su chi non onora le regole basilari del Ssr. Non ci può essere accreditamento con il sistema pubblico per chi vuole giocare e arricchirsi illegittimamente sulle spalle dei propri dipendenti e dei cittadini”.

 

“I lavoratori della sanità privata si sono stra-guadagnati un rinnovo che li vede indietro di 4 tornate contrattuali. Hanno dato prova di fronte a tutta la comunità di uno spirito di servizio e di un senso di responsabilità straordinario. Le loro professionalità sono insostituibili e deve essere garantito il riconoscimento economico e contrattuale che è dovuto loro. La Regione Lazio, che ha competenza esclusiva sulla regolamentazione e il finanziamento del Ssr, non può restare a guardare”, concludono i segretari regionali di categoria. “L’accordo nazionale prevede che entro luglio i lavoratori della sanità privata abbiano un nuovo contratto. Se così non sarà, prepareremo una lotta senza quartiere contro questa vergogna e questa ingiustizia”.

È SUCCESSO OGGI...

Palmarola, calci e pugni alla porta della casa della suocera per estorcerle ancora una...

0
Diecimila euro questa la somma che un 48enne romano ha estorto, dietro violenze e minacce nel corso degli anni alla moglie e alla sua famiglia. Andavano a finire tutti nella droga i...
acea

Acea: utile I trimestre +1% a 144 mln, ricavi +4%

0
Acea ha chiuso il primo semestre dell'anno con un utile netto di 144 milioni di euro, in crescita dell'1% rispetto ai 143 milioni registrati nello stesso periodo del 2019. I ricavi consolidati...

Incidente di Santa Marinella: denunciato dalla Polizia di Stato l’autista del mezzo. Grave 17enne

0
Un romano 45enne è stato denunciato dalla Polizia di Stato   in seguito al grave incidente avvenuto nella tarda serata del 27 luglio, sulla via Aurelia, nel comune di Santa Marinella, nel quale...

Coronavirus, oggi nel Lazio 34 nuovi contagi. 16 di importazione

0
Oggi registriamo 34 casi e zero decessi. Di questi 16 sono casi di importazione: otto casi di nazionalità del Bangladesh, tre da Spagna, due da Romania, due da India e uno da...

ROMA, 170 GIOVANI TRUFFATI CON LA PROMESSA DI UN LAVORO SI RIVOLGONO ALLA PROCURA....

0
170 giovani truffati con la promessa di un posto di lavoro si sono rivolti attraverso il Codacons alla Procura della Repubblica di Roma, chiedendo di aprire una indagine per truffa e associazione...