Il giardino della memoria e della giustizia, Colleferro ricorda i 28 magistrati uccisi dalle mafie

0
Il giardino della memoria e della giustizia, Colleferro ricorda i 28 magistrati uccisi dalle mafie

ARTICOLI IN EVIDENZA

Antonino Giannola, Agostino Pianta, Pietro Scaglione, Francesco Ferlaino, Francesco Coco, Vittorio Occorsio, Riccardo Palma, Girolamo tartaglione, Fedele Callosa, Emilio Alessandrini, Cesare Terranova, Nicola Giacumbi, Girolamo Minervini, Guido Galli, Mario Amnato, gaetano Costa, Giangiacomo Ciaccio Montalto, Bruno Caccia, Rocco Chinnici, Alberto Giacomelli, Antonino Saetta, Rosario Angelo Livatino, Antonino Scopelliti, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino, Luigi Daga, Fernando Ciampi.

Sono questi i 28 nomi dei magistrati incisi sulla nuova stele inaugurata ieri a Colleferro in via Colle dell’Elefante, in uno dei quartieri più moderni della città a sud di Roma.

 

28 persone uccise fra il 1969 e il 2015 in Italia per la loro professione e perché spesso erano un simbolo da colpire, un nemico da distruggere in nome di presunti ideali. 

Nonostante le evidenze, molti di questi uomini e donne sono stati, prima e dopo la loro morte, considerati alla stregua di “carrieristi”, vilipesi, accusati di aver voluto solo realizzare le loro umane aspirazioni.

La città di Colleferro ieri per iniziativa del Sindaco Pierluigi Sanna e del magistrato Stefano Amore, coautore del libro “Ritratti del coraggio”, li ha voluti celebrare per far conoscere, soprattutto ai più giovani, i nomi e la storia degli uomini e delle donne che hanno sacrificato la loro vita per dare un futuro al nostro paese.

Alla cerimonia di inaugurazione, che ha visto anche la piantumazione di 24 nuovi alberi nel nuovo “Giardino della memoria e della Giustizia”, sono intervenuti anche il dottor Giuseppe Travaglini, sostituto procurate di Velletri, il magistrato Massimo Gallo, già presidente della Corte d’appello di Roma e il presidente del Tribunale di Velletri Mauro Lambertucci. Presenti anche le autorità istituzionali locali, tra cui anche il consigliere regionale Eleonora Mattia.

Ad aprire gli interventi, dopo la benedizione di Don Franco Fagiolo, il sindaco di Colleferro che ha presentato il nuovo giardino “come un segnale di rinascita, non solo per questa nuova comunità residenziale, ma anche per tutto il comprensorio, simbolo di memoria e di educazione per le nuove generazioni”.

Travaglini, Gallo e Lambertucci hanno portato ciascuno la sua esperienza negli anni delle stragi, rimarcando il ruolo delle scuole e della comunità nel combattere i fenomeni mafiosi.

Ai giovani si è rivolto infine anche il dottor Stefano Amore, che ha chiuso gli interventi con una riflessione sulla “ricerca della verità, quella che ha portato questi uomini e donne alla morte. Abbiamo paura della verità, ma ricordiamoci che le opinioni non portano nulla di oggettivo. La verità invece è un’esperienza estrema, perché può condurre alla morte.

È SUCCESSO OGGI...

Metro C, la stazione Venezia pronta entro il Giubileo

0
"Stiamo lavorando al progetto da presentare al Mit per la stazione di piazza Venezia e ottenere cosi' i finanziamenti. Entro il Giubileo 2025 la parte superiore della stazione sara' completa in modo...
incidente sulla prenestina

Grave incidente a Roma: un morto

0
Incidente mortale in via Tiburtina a Roma, all'altezza del civico 1331, questa notte alle 2.30 circa. Lo scontro e' avvenuto tra un mezzo pesante Iveco condotto da un uomo italiano di 55...

TRASTEVERE, SGOMINATA BABY GANG DEDITA A FURTI E RAPINE

0
I Carabinieri della Stazione Roma Trastevere hanno eseguito un'ordinanza di applicazione della misura cautelare del collocamento in comunita' emessa dal Gip del Tribunale per i minorenni di Roma, su richiesta della Procura,...

ROmaBOT: al via il nuovo chat bot di Roma Capitale

0
Prosegue il percorso intrapreso dall’Amministrazione capitolina nell’ottica di progressiva semplificazione e accessibilità ai servizi online. Da oggi sarà ancora più semplice accedere alle informazioni e ai servizi messi a disposizione della cittadinanza...

Segnalazioni di degrado e disturbo della quiete pubblica, sospesa per 15 giorni licenza ad...

0
Gli agenti della Polizia di Stato del commissariato Colombo diretto da Isea Ambroselli, unitamente al Reparto Prevenzione Crimine Lazio, al Reparto Mobile e a personale della  Polizia Scientifica, hanno effettuato nella serata...