Sanità Privata in crisi post-Covid, lavoratori di Villa Fulvia protestano davanti alla Asl Roma 2. Cgil Cisl Uil: “Difendiamo occupazione e salari”

0
Sanità Privata in crisi post-Covid, lavoratori di Villa Fulvia protestano davanti alla Asl Roma 2. Cgil Cisl Uil: “Difendiamo occupazione e salari”

ARTICOLI IN EVIDENZA

La protesta delle lavoratrici e dei lavoratori della casa di cura Villa Fulvia fa il bis. Ma con una novità importante che rende chiarissima la situazione degli interessi in campo: questa mattina, infatti, al presidio degli operatori di fronte alla sede della Asl Roma 2 è presente anche una delegazione dei genitori di bambini in attesa di terapia. Alle bandiere di Cgil Cisl Uil si sono aggiunti i cartelli delle famiglie dei piccoli utenti, a segnare la piena vicinanza alla mobilitazione dei lavoratori, ma soprattutto a manifestare la portata dei bisogni di salute della collettività: “inclusione e non esclusione”, “tutela dei progetti dei nostri figli”, “basta tele-riabilitazione”, “150 bambini vittime del Covid insieme ai loro terapisti”. Così si legge nei messaggi indirizzati dalle famiglie all’azienda sanitaria e alla Regione Lazio, con riferimento alle terapie dei bambini sospese il 15 marzo a causa del Covid e riprese il 18 maggio ma solo nella poco efficace modalità di tele-riabilitazione. Per di più con lo spettro di un futuro di completa incertezza, data l’ipotesi sempre più concreta di sospensione dell’accreditamento, se non di chiusura vera e propria della struttura di Villa Fulvia.

“E’ impensabile mettere a rischio un patrimonio di professionalità e competenze che gli stessi utenti ritengono indispensabili, tanto da spingerli a scendere in piazza con i lavoratori”, dichiarano Claudio Maggiore, Sergio Pero e Dante Armati – responsabili territoriali di Fp Cgil Roma e Lazio, Cisl Fp Lazio e Uil Fpl Roma e Lazio – a margine del presidio di oggi. “Operatori, bambini e famiglie non devono pagare il prezzo di errori organizzativi e gestionali rispetto ai quali non hanno alcuna responsabilità. Licenziare lavoratori così qualificati, che peraltro nel volgere di poche settimane politica e management hanno fatto passare da “eroi” a “fis-occupati”, cioè a cassaintegrati a carico del Fondo integrazione salari, è profondamente immorale. Ma è anche un oltraggio vero e proprio ai danni della collettività e delle esigenze di cura e assistenza delle persone”.

“Tutti i lavoratori di Villa Fulvia devono essere tutelati”, tuonano i sindacalisti. “I dipendenti diretti dell’azienda, così come le lavoratrici e i lavoratori delle cooperative e i lavoratori autonomi con contratti di lavoro nei reparti e nei servizi della struttura sanitaria, devono avere garanzia di occupazione e retribuzione, tanto per la professionalità dimostrata e per il sacrificio sostenuto durante l’emergenza, quanto perché il sistema sanitario regionale, e soprattutto i cittadini, non possono fare a meno di loro”.

“Ora ci aspettiamo che si dia seguito all’impegno preso dalla Regione con Cgil Cisl e Uil per affrontare i casi come questo di crisi delle strutture sanitarie private nella fase post-Covid”, sottolineano Maggiore, Pero e Amati. “Va definito e reso vincolante per le strutture il meccanismo di salvaguardia per i lavoratori in caso di revoca dell’accreditamento o di chiusura, assicurando attraverso il ricollocamento la continuità occupazionale e salariale a infermieri, oss, tecnici, terapisti, ostetriche, professionisti e amministrativi”.

“La nostra mobilitazione non si fermerà”, concludono i responsabili territoriali delle federazioni di categoria. “Moltiplicheremo le in iniziative di protesta e sensibilizzazione, fin quando non avremo tutte le garanzie su lavoro e stipendi per tutto il personale di Villa Fulvia”.

È SUCCESSO OGGI...

Parte “All’Ombra del Giardino di Dany” una rassegna solidale tra comicità e magia che...

0
Ci sono storie invisibili. Sono quelle delle persone che incontriamo ogni giorno in fila alla posta, alla banca, in attesa che scatti il semaforo.  Volti di sconosciuti ai quali chiediamo un consiglio...

Civitavecchia, ricercato per furto e ricettazione arrestato dalla Polizia di Stato

0
Aveva un mandato di cattura, dovendo espiare 3 mesi di reclusione per i reati di furto e ricettazione: il ricercato, un 53enne italiano, è stato rintracciato ed  arrestato dalla pattuglia della Polizia...

Campo Testaccio, in arrivo in Assemblea Capitolina la mozione per mantenere la competenza dell’impianto...

0
Verrà presentata a breve in Assemblea Capitolina la mozione n. 289/2020 che prevede l'impegno affinché la competenza gestionale di Campo Testaccio resti in carico al Dipartimento Sport e Politiche Giovanili e affinché...

Violenza sessuale, shock a Testaccio: 19enne in manette

0
Un 50enne italiano e' stato arrestato con l'accusa di aver costretto a un rapporto sessuale una 19enne colombiana ieri alle 16.50, in via Giovanni Branca, nel quartiere romano di Testaccio. La giovane,...

Trans trovato morto a Roma: indagini dei carabinieri

0
Il cadavere di una persona di 36 anni, transessuale di origine brasiliane e' stato trovato ieri alle 22 in un'area buia di piazzale Pino Pascali, zona Tor Sapienza, a Roma. A scoprire...