Bimbo di 2 anni salvo dopo un volo da quattro piani (VIDEO)

0
Bimbo di 2 anni salvo dopo un volo da quattro piani (VIDEO)

ARTICOLI IN EVIDENZA

A volte i genitori lasciano un figlio piccolo solo anche in casa, spesso addormentato, per giunta con una finestra aperta, per svolgere le loro commissioni, senza rendersi conto a quali gravi rischi lo espongono. Ma più frequentemente gli incidenti avvengono quando un genitore indaffarato anche se è amorevole e di qualsiasi ceto sociale, lo perde di vista sottovalutando il rischio legato a tale comportamento. Come nel caso di oggi di un bimbo che miracolosamente si è salvato dopo un volo da 4 piani di un edificio a Huai An, provincia di Jiangsu, una città nella Cina orientale. È stata la presenza di un uomo che ha impedito miracolosamente che si verificasse una tragedia, quando un bambino di 2 anni, è sfuggito all’attenzione degli adulti, si è arrampicato sulla ringhiera di un balconcino, ed è caduto dal quarto piano, compiendo un volo di oltre una decina di metri. L’uomo, alzando gli occhi al cielo, ha notato il piccolo che penzolava aggrappato al cornicione di un piccolo balcone e ha subito capito che non avrebbe resistito molto in quella scomoda posizione. Pochi istanti dopo, infatti, il bambino ha mollato la presa ed è precipitato nel vuoto. Per il piccolo non vi sarebbe stato scampo vista la considerevole altezza da cui è caduto. Fortunatamente però è intervenuto il vicino che miracolosamente è riuscito ad afferrare il piccolo durante la caduta evitando il peggio. Il tutto è avvenuto sotto lo sguardo attonito dei passanti e dei residenti della zona. Quando sono arrivati i soccorsi, chiamati dai vicini, il bimbo era cosciente. L’intraprendente bambino si sarebbe chiuso in camera da letto e con l’ausilio di uno sgabello avrebbe scavalcato la finestra. Successivamente avrebbe camminato su di un balconcino dove sono posizionati i motori dei condizionatori per poi perdere l’equilibrio. Nel filmato sono visibili i presenti con il fiato sospeso mentre il bambino rimane aggrappato su di una sporgenza. Ad un certo punto il bimbo perde la presa e cade nel vuoto, atterrando prima su un tettoia di vetro e poi tra le braccia di un vicino. Tutto catturato in un video, girato con lo smartphone da qualcuno dei presenti che vive nella contea di Xuyi. Il filmato di questo incredibile salvataggio, come prevedibile, è diventato virale in rete. Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”, ricorda ai genitori che lasciare un bambino, anche solo per pochi minuti, per giunta con una finestra aperta, è reato di abbandono di minore. Il genitore, infatti, benchè l’assenza sia breve, viene comunque meno ai suoi doveri di sorveglianza e cura creando una situazione di potenziale pericolo per il minore. Ecco il video: https://youtu.be/-Ebg2hGcRH8

È SUCCESSO OGGI...

Inaugura nuovo centro idrico a Guidonia

0
Al termine dei lavori di ammodernamento e ampliamento di Acea Ato 2, è stato inaugurato oggi a Guidonia il Nuovo Centro Idrico in località Albuccione. Presenti all’inaugurazione il Sindaco di Guidonia Michel...

Ostia, maxi controlli della polizia: nel mirino movida e rispetto delle norme sulla prevenzione...

0
Nella serata di ieri, le pattuglie della Polizia di Stato del commissariato di Ostia, diretto da Eugenio Ferraro, con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine hanno proceduto ad effettuare dei controlli  mirati finalizzati...

Roma – Tiburtina. 92enne incastrato nei pressi del deviatoio degli scambi tra i binari

0
Gli Agenti della Polizia di Stato – Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio,  durante il servizio presso lo scalo di Roma Tiburtina, durante il consueto servizio di vigilanza, sono stati attirati dalla...

Ciampino, furti di bici in stazione

0
6851 persone identificate, 4 arrestate, 11 denunciate in stato di libertà, 476 lepattuglie impegnate in stazione,  15 le contravvenzioni amministrative elevate, di cui 6  al regolamento di Polizia Ferroviaria,  6 le misure...

Roma, richiede finanziamento elettrodomestici con documenti falsi: arrestato

0
Una carta di Identità con altre generalità e la sua fotografia, un codice fiscale e una busta paga contraffatte erano le “armi” che un 30enne di Napoli, disoccupato e con precedenti, ha...