Investire in Borsa nel post-Covid: tra gap-up e gap-down

0
Investire in Borsa nel post-Covid: tra gap-up e gap-down

ARTICOLI IN EVIDENZA

La crisi iniziata dal Covid-19 non ha ancora esaurito pienamente la propria minaccia sui mercati finanziari e tuttavia non mancano i segnali di ripresa, che fanno ben sperare per questa seconda metà del 2020.

Tra rapide riprese e rialzi più timidi, gli investitori in realtà non hanno mai smesso di aver fiducia nei mercati e le attività di investimento non si sono arrestate nemmeno negli istanti più bui del crollo di Marzo.

Ma come intervenire in tempo di crisi? Quali sono le accortezze da tenere a mente per investire in periodi di immediato post-crisi?

Per saperlo bisogna prima capire bene come funziona la Borsa.

La Borsa in tempo di crisi: confusione sui prezzi

La Borsa tende a manifestare nel tempo comportamenti regolari e, come ben si sa, non ama i crolli né tantomeno le rapide impennate dei titoli finanziari. I movimenti repentini, di fatto, la disorientano.

In corrispondenza di questi movimenti imprevisti le valutazioni emesse sui titoli necessitano di essere rifatte di volta in volta, aggiustate a fine di ogni settimana o, in alcuni casi, anche a fine di ogni giornata.

L’obiettivo della Borsa, infatti, è quello di riuscire a riproporre, sotto forma di quotazione, il reale valore dell’azienda. Questo non solo sulla base dei suoi risultati finanziari ed economici ma anche in base al peso che ha sull’economia in toto.

Vi sono due diversi valori che regolano questo meccanismo delle Borse Valori: il prezzo delle azioni e la capitalizzazione.

Può accadere, infatti, che le azioni di una società tra le prime al mondo per risultati finanziari e peso economico valgano meno di una società meno rilevante. Ebbene, questo perché ha emesso più azioni e, di conseguenza, ottiene risultati migliori attraverso una maggior distribuzione del proprio titolo.

In questo caso, infatti, è la capitalizzazione che permette di farsi un’idea del valore reale dell’azienda. La capitalizzazione è il valore complessivo derivante da tutte le azioni messe in commercio dalla società: le grosse aziende, sebbene possano avere azioni a basso prezzo, sono caratterizzate da capitalizzazioni molto elevate.

Ebbene, i crolli o i rialzi improvvisi rendono inutili le valutazioni passate su un titolo e obbligano le Borse Valori a rivalutare completamente quell’asset.

Gap-up e Gap-down: situazione a rischio

Una delle caratteristiche principali di questo lavoro di costante rivalutazione è la comparsa di frequenti casi di gap-up e gap-down nel grafico del titolo.

Si tratta di situazioni particolari in cui la chiusura del periodo precedente non viene rispettata dal periodo successivo e accade che il titolo apre ad un valore maggiore (up) o minore (down) rispetto alla chiusura precedente.

Si tratta di una sfasatura che riflette il tentativo della Borsa Valori e degli investitori di saggiare nuovamente l’affidabilità del titolo e di rivalutare il suo valore reale.

I gap-up e gap-down, infatti, vanno a corrispondere pressappoco a quelli che sono i livelli di Supporto e Resistenza del periodo precedente. Trattandosi dei livelli sensibili per la quotazione di un asset, in base al comportamento che esso mostra dopo questo apprezzamento (o deprezzamento) è possibile procedere con una nuova stima.

Ma è consigliato investire in occasione di questi movimenti?

Ebbene, purtroppo non sempre. Dipende da numerosi fattori, in primis dal proprio livello di esperienza.

Le operazioni che sono state svolte ultimamente dai professionisti mostrano chiaramente come gli investimenti consigliati sono quelli brevi, a basso rischio, che aspettano lo sviluppo della reazione del titolo alla traslazione in alto o in basso dei prezzi.

Solo prestando attenzione alle prime reazioni e tenendo conto della ciclicità di questi gap si può procedere ad investimenti capaci di trarre vantaggio da questa continua fase di transizione. La raccomandazione è sempre quella di valutare la convenienza dell’operazione prima di dedicarvisi: la consulenza di un esperto è grandemente consigliata.

È SUCCESSO OGGI...

Rubano i soldi dalla cassa di un B&B: la polizia denuncia per furto aggravato...

0
Hanno prenotato una stanza in un B&B nel centro della capitale e, una volta arrivati, hanno forzato la cassa dove i gestori custodivano il denaro, sottraendo l’intero incasso della giornata. Immediato l’intervento della...

Castelli, denunciato per porto abusivo di armi e oggetti atti a offendere

0
Durante alcuni controlli effettuatati nel territorio di Frascati, gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Lazio hanno denunciato in stato di libertà un uomo di 53 anni, fermato dalla Polizia durante un posto...

MAFIE, RELAZIONE DIA: “LAZIO VERO E PROPRIO LABORATORIO CRIMINALE”

0
"L'alta densità abitativa del Lazio e, in particolare, della provincia di Roma si riflette inevitabilmente sulle dinamiche criminali del territorio. La compresenza, infatti, di rilevanti interessi economici e politici, ma anche di...

Colombo, servizi straordinari di controllo del territorio: chiuso un noto ristorante della zona

0
Gli agenti del commissariato Colombo, diretto da Isea Ambroselli, nella serata di mercoledì scorso, unitamente agli agenti del Reparto Mobile, agli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Lazio e a ispettori della A.S.L....

Cadaveri fatti a pezzi e buttati nell’ossario, lo scandalo macabro delle finte cremazioni a...

0
Scoperta macabra a Roma. Avrebbero offerto ai parenti dei defunti una cremazione a nero, a un prezzo scontato. Ma, invece, avrebbero fatto a pezzi la salma e l’avrebbero gettata nell’ossario comune. Protagonisti...