Nuovi focolai in Italia: l’allarme: “Evitare affollamenti o si rischia ripartano contagi”

0
Nuovi focolai in Italia: l’allarme: “Evitare affollamenti o si rischia ripartano contagi”

ARTICOLI IN EVIDENZA

“È un cane che si morde la coda: la bassa circolazione virale porta a sottovalutare il rischio, che invece esiste, e ad allentare le misure di precauzione, ma così facendo si continua a far circolare il virus. E invece su questo bisogna insistere nella comunicazione: le misure di distanziamento sono precauzionali e vanno mantenute per prevenire la circolazione virale e quindi evitare che ripartano i contagi”. Lo afferma, in un’intervista a ‘Il Messaggero’, l’epidemiologo a capo della taskforce della Regione Puglia Pier Luigi Lopalco.

La situazione a Roma e provincia

“Ieri si sono registrati 14 casi positivi e zero decessi. A Roma città si registrano 6 nuovi casi. Nella Asl Roma 3 è sotto controllo il focolaio a Fiumicino. Non risultano al momento positivi tra i clienti delle due attività di ristorazione. Eseguiti oltre 1.100 tamponi al drive-in di Casal Bernocchi per l’indagine epidemiologica e voglio ringraziare gli operatori per lo straordinario lavoro fatto nelle ultime 48 ore. Nella Asl Roma 1 si registrano due casi positivi relativi a due persone senza fissa dimora intercettati al pronto soccorso del San Giovanni e del Santo Spirito. Nella Asl Roma 2 un caso positivo di rientro dal Pakistan. Sono state attivate le procedure di contact tracing internazionale. Nella Asl Roma 6 sono 7 i nuovi casi positivi tutti riferibili ad un cluster familiare già noto per altri due casi che può ritenersi limitato allo stretto ambito familiare tra Anzio e Ardea. In corso l’indagine epidemiologica e il contact tracingcommenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Il vaccino

Il vaccino potrebbe non bastare a dare agli Stati Uniti un’immunità di gregge contro il Covid-19, lo scrive il sito della Cnn, citando l’epidemiologo Anthony Fauci. Il medico che guida la task force di Mike Pence contro l’epidemia dice che si “accontenterebbe” di un vaccino Covid-19 efficace dal 70 al 75%, ma che questa protezione incompleta, insieme al fatto che molti americani affermano che non faranno il vaccino contro il coronavirus, rende “improbabile” che gli Usa raggiungano livelli di immunità sufficienti a sedare l’epidemia.

È SUCCESSO OGGI...