Remuzzi: “Basta paura ingiustificata, i nuovi positivi non sono contagiosi”

0
Remuzzi: “Basta paura ingiustificata, i nuovi positivi non sono contagiosi”

ARTICOLI IN EVIDENZA

“L’Istituto superiore della Sanità e il governo devono rendersi conto di quanto e come è cambiata la situazione da quel 20 febbraio ormai lontano. E devono comunicare di conseguenza. Altrimenti, si contribuisce, magari in modo involontario, a diffondere paura ingiustificata”.

Lo dice lo scienziato Giuseppe Remuzzi, direttore dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, in un’intervista al Corriere della Sera.

“Una ricerca dimostra che si registrano casi di positività con una carica virale molto bassa, non contagiosa. Li chiamano contagi, ma sono persone positive al tampone”.

Intanto le notizie dal mondo sono contrastanti: Se infatti il focolaio da Coronavirus che ha colpito Pechino è sotto controllo (lo ha rivelato il virologo Wu Zunyou, capo epidemiologo del Centro cinese per la prevenzione e il controllo delle malattie), in 24 ore sono stati registrati 32.188 contagi e 1.269 decessi in Brasile: il tasso di mortalità è il 22,1%. In totale, il Paese si avvicina al milione di casi e a 47.748 morti finora. “L’incubo del Covid-19 è tutt’altro che sotto controllo”, dice l’ultimo rapporto di Medici Senza Frontiere.

La situazione in Italia – Per la prima volta dal 7 aprile, tornano a salire i pazienti ricoverati in terapia intensiva. Un piccolo aumento, solo 5 unità, ma che è un brutto segno di inversione di rotta. E oggi torna a salire anche il numero di morti di pazienti ricoverati con coronavirus (sono 66 oggi) e restano in numero sostenuto i nuovi contagi, sullo stesso livello di ieri, ma in aumento rispetto ai livelli più bassi raggiunti nelle ultime settimane. Sono questi i due dati principali del bollettino odierno della protezione civile.

È SUCCESSO OGGI...