Coronavirus, in Francia la Ligue 1 di calcio non riprenderà: irremovibile il ministro

0
Coronavirus, in Francia la Ligue 1 di calcio non riprenderà: irremovibile il ministro

ARTICOLI IN EVIDENZA

Alla fine del suo discorso sulla fase 2 del deconfinamento legato alla pandemia di Covid-19, il Primo Ministro, Edouard Philippe, ha risposto questo giovedì a una domanda che evoca la possibile ripresa della stagione 2019-2020 per i campionati professionistici, in particolare Ligue 1. Un’osservazione legittima quando si sa che la Bundesliga è ripartita in Germania da due settimane, che l’Inghilterra ha annunciato ufficialmente il ritorno della Premier League il 17 giugno e che la Spagna e il ‘L’Italia ha fissato la ripresa della Liga e della Serie A rispettivamente il 12 e il 20 giugno.

Domanda doppiamente legittima – commenta il quotidiano parigino Le Figaro – anche se lo sport francese di alto livello è ora autorizzato a riprendere gli allenamenti dal 2 giugno. 

“Non spetta a me – ha dichiarato Philippe – commentare le decisioni di leghe e federazioni”. Vale a dire la scelta della Professional Football League di fermarsi definitivamente il 30 aprile per la stagione 2019-2020 di Ligue 1. Jean-Michel Aulas, il presidente dell’Olympique Lyonnais si sta invece muovendo per provare ad invertire la decisione che prevede la chiusura degli stadi almeno fino al 21 giugno, data per la quale è stata prevista la chiusura degli sport collettivi. 

“Sono per definizione sport di contatto, penso per esempio al calcio e al basket”, ha continuato Edouard Philippe, sottolineando che per questi sport qui  la distanza fisica è chiaramente impossibile durante una partita. “Mi sembra – ha concluso – che per quasi due mesi e mezzo, i campionati e le competizioni siano stati interrotti per ottime ragioni. Spero che l’inizio della prossima stagione sarà presto in condizioni normali. So che (club e giocatori) non vedono l’ora! “

Cinque 

È SUCCESSO OGGI...