SINDACI A CONTE “IN FASE 2 SERVE NUOVO PASSO”

0
SINDACI A CONTE “IN FASE 2 SERVE NUOVO PASSO”

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Questa lettera non e’ un elenco di rivendicazioni in nome dei Comuni, non e’ una sequenza di istanze relative a questo o a quel capitolo del bilancio, non e’ neppure una richiesta di incontro come tutte le altre. Noi sindaci delle Citta’ metropolitane i rivolgiamo una esortazione nell’interesse del Paese”. Cosi’ i tredici sindaci delle citta’ metropolitane in una lettera inviata al premier Conte, chiedendo un nuovo passo nel rapporto tra governo e sindaci, che coinvolga le citta’ nella fase di rilancio del Paese. “Siamo convinti, piu’ che mai, che senza una manovra di aggiustamento, urgente e indifferibile, salteranno i servizi essenziali di tutte le citta’ italiane. Il rischio potrebbe essere un drammatico lockdown delle attivita’ che, quotidianamente, i Comuni svolgono in ogni angolo del nostro Paese per i loro cittadini. Se di cio’ non si prende piena e profonda consapevolezza, a farne le spese sara’ l’Italia stessa”, osservano. “Aspettavamo maggiore attenzione alle nostre richieste, perche’ i Comuni conoscono esattamente la realta’, vivono giornalmente le dinamiche sociali e avvertono gli umori della gente”, scrivo i sindaci, sottolineando come “abbiamo perfino rinunciato all’esercizio del nostro potere di autorita’ sanitaria locale perche’ il Governo potesse dare un indirizzo unitario per superare l’emergenza”.

È SUCCESSO OGGI...