Fase 2, Regione Lazio: lunedì al via campagna test sierologici. Zingaretti: nuova stagione in sicurezza

0
Fase 2, Regione Lazio: lunedì al via campagna test sierologici. Zingaretti: nuova stagione in sicurezza

ARTICOLI IN EVIDENZA

Parte lunedì 11 maggio la campagna di test 300mila test sierologici nella Regione Lazio e riguarderà tutti gli operatori sanitari, compresi medici di medicina generale, pediatri, medici specialisti, farmacisti e operatori di strutture private accreditate o autorizzate e di servizi esternalizzati, operatori delle Rsa. La platea è di oltre 100mila operatori.

Saranno coinvolti anche gli operatori delle forze dell’ordine, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Esercito ‘Strade Sicure’, Guardia Costiera, la polizia penitenziaria e tutte le polizie locali e provinciali e sono una platea di oltre 60 mila operatori. Ad illustrare le modalità di avvio della campagna di test sierologici nel Lazio, questa mattina il presidente Nicola Zingaretti, l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato e il direttore scientifico dell’Istituto Spallanzani, Giuseppe Ippolito.

Gli oneri dell’indagine sono a carico del Servizio Sanitario Regionale, l’adesione individuale e volontaria tramite consenso informato, il sistema informativo per il tracciamento del percorso di indagine si effettuerà tramite Codice Fiscale. Il coordinamento e monitoraggio è a cura di Spallanzani/Seresmi (Servizio regionale sorveglianza malattie infettive) con supporto di aziende/enti.

L’indagine con test sierologici sarà importante nella ricerca e nella valutazione epidemiologica della circolazione virale nella popolazione regionale. In particolare sullo stato di diffusione del virus in popolazioni a rischio come quella di operatori entrati a contatto con pazienti sospetti o affetti dal virus. “L’indagine non attribuisce in alcun modo una “patente di immunità” – ha spiegato l’assessore D’Amato – ma può consentire, in presenza di anticorpi (IgG/ IgM), la rilevazione dell’incontro con il virus e, quindi, la successiva esigenza di effettuare il tampone. Va quindi prestata particolare attenzione nella comunicazione dei risultati ai lavoratori ribadendo: la necessità del costante corretto utilizzo dei DPI; la stretta osservanza delle misure di prevenzione e controllo dell’infezione da SARSCOV2. “Partiremo lunedì, l’indagine durerà almeno trenta giorni – ha detto ancora D’Amato -. Abbiamo una capacità dei laboratori di processare 10mila test al giorno. Contiamo già dal 25 di questo mese di avere risultati importanti”. Dalla settimana successiva i laboratori autorizzati, che sono 172 a livello regionale, potranno processare test sierologici con una prescrizione del medico curante. In caso di esito positivo, sarà possibile sottoporsi al tampone nelle successive 48 ore nella modalita’ drive-in, muniti di ricetta dematerializzata e codice fiscale.

“Da lunedì inizia una nuova fase nello sviluppo delle strategie di contrasto al coronavirus con una indagine attraverso i test sierologici che servirà per aprire una stagione in sicurezza”, ha detto il presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, illustrando le modalità di avvio dei 300mila test sierologici nel Lazio. “Invito tutti i ministeri e gli uffici pubblici a prevedere, all’inizio del turno di lavoro, la rilevazione della temperatura dei lavoratori”. Poi ha chiarito la questione mascherine: “Se qualcuno si è approfittato di una situazione di emergenza ne dovrà pagare le conseguenze – ha aggiunto Zingaretti – anche perchè oltre alla legge stiamo parlando di una malattia che ha messo tutto il sistema in grande fibrillazione. Lo dico da presidente, da cittadino e da ex malato di questa malattia. Ripeto, tutta la documentazione che noi e la protezione civile abbiamo viene puntualmente inviata alle forze preposte all’indagine. Ovviamente, ho visto che ieri c’è stato un comunicato stampa di una delle società coinvolte, noi lavoriamo per il pieno recupero degli esborsi fatti dalla regione come è giusto che sia. Anche per questo siamo impegnati con la protezione civile quotidianamente”, ha concluso il presidente della Regione. 

È SUCCESSO OGGI...