Ricerca Arizona: “Il Coronavirus sta mutando e si indebolisce”

0
Ricerca Arizona: “Il Coronavirus sta mutando e si indebolisce”

ARTICOLI IN EVIDENZA

Gli scienziati dell’Arizona State University hanno scoperto una mutazione del nuovo coronavirus che sembra seguire lo stesso schema della Sars del 2003 e potrebbe rappresentare un indebolimento del virus. Gli esperti hanno infatti analizzato 382 campioni raccolti da pazienti con coronavirus, uno dei quali mancava di un consistente segmento di materiale genetico, lo stesso che nella Sars del 2003 e’ scomparso quando i contagi hanno iniziato a diminuire. “Non si tratta di una semplice mutazione, ma di un cambiamento che potrebbe compromettere la capacita’ del virus di resistere al sistema immunitario dell’organismo ospite, rendendo le infezioni piu’ deboli e i contagi meno aggressivi”, spiega Efrem Lim dell’Arizona State University in uno studio pubblicato sul Journal of Virology. “Come il nostro Dna, anche il virus e’ soggetto alle mutazioni, perche’ quando le cellule vengono infettate i virus iniziano a riprodursi. Alcuni mutano costantemente, il che rende estremamente difficile studiarli, sequenziarli e combatterli definitivamente. SARS-CoV-2 – continua – e’ composto da circa 30mila geni, molto piu’ semplice del Dna umano. Nel campione che abbiamo analizzato mancavano 81 geni da un tratto piuttosto significativo, responsabile della capacita’ del virus di resistere alla risposta immunitaria dell’organismo ospite”, prosegue il ricercatore, aggiungendo che delezioni in queste sequenze sono state osservate nel 2003 con la precedente epidemia di Sars, e studi successivi hanno poi confermato l’importanza di questi geni per la trasmissione della malattia. “Abbiamo sequenziato i genomi del virus trovati in 382 campioni di tampone faringeo, in uno solo di questi abbiamo riscontrato questa mutazione, ma e’ importante sottolineare che potrebbero esistere altri casi come questo, dato che non abbiamo analizzato tutti i pazienti Covid-19”, precisa ancora Lim. “E’ troppo presto per ipotizzare che il virus sia piu’ debole o meno infettivo o per affermare che il virus stia mutando verso la fine dell’epidemia. E’ necessario effettuare ulteriori indagini per fare chiarezza su questi punti”, conclude l’esperto.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...