Aperture fino alle 21,30, i sindacati chiedono alla Regione maggiori garanzie

0
Aperture fino alle 21,30, i sindacati chiedono alla Regione maggiori garanzie

ARTICOLI IN EVIDENZA

“L’ordinanza del 30 aprile a firma del presidente Nicola Zingaretti dispone l’apertura dei negozi fino alle 21.30, allungando di fatto di due ore e mezzo l’orario previsto nella precedente ordinanza regionale. La categoria degli operatori del commercio e della grande distribuzione organizzata e’ una delle piu’ esposte al contagio dall’inizio dell’emergenza Coronavirus, per via del contatto obbligato con il pubblico. La Regione Lazio pero’, anziche’ predisporre maggiori tutele per la loro salute, anche in vista delle aperture di altri settori commerciali, prolunga ulteriormente gli orari di lavoro, benche’ non ci sia una reale necessita’ dei consumatori. Anzi, in un momento critico come quello che stiamo vivendo, far circolare gente fino a oltre le 22 con il pretesto dello shopping non fa che aumentare il rischio di diffusione del virus. Vogliamo ricordare che l’aumento esponenziale della produttivita’, soprattutto dei grandi marchi dei supermercati, negli ultimi mesi ha fatto spesso il paio con un netto peggioramento delle condizioni di lavoro: carichi di lavoro aumentati, carenza di DPI
(specialmente nella fase iniziale), pause non sufficienti al recupero di chi deve lavorare per ore con una mascherina. Che la necessita’ di lavorare di piu’ incentivando il profitto, senza badare alla salute di lavoratori e utenti, provenga dalle aziende e dai rappresentanti delle categorie, non ci stupisce. Che la Regione Lazio risponda alla chiamata senza conoscere le condizioni in cui stanno lavorando le lavoratrici e i lavoratori del commercio dall’inizio della crisi, ininterrottamente, e’ inaccettabile! Nel Lazio esistono ancora aziende che non rispettano le norme di sicurezza previste, esponendo i lavoratori e gli utenti al rischio, senza che la Regione abbia mai programmato una verifica di concerto con i Comuni. Nonostante l’aumento del fatturato e dei profitti del settore, uno dei pochi non toccati dalla crisi generalizzata, le aziende non hanno previsto alcun incremento dell’occupazione, utile in questa fase ad alleggerire il carico di lavoro e a favorire l’occupazione in una crisi cosi’ grave.
Usb richiede un confronto con il presidente Zingaretti, a partire dall’analisi attenta di quanto sta succedendo nel settore per arrivare a misure idonee a tutelare maggiormente la salute pubblica e quella di lavoratrici e lavoratori che hanno gia’ pagato a caro prezzo questa emergenza”. Lo scrive in una nota USB
Commercio.

È SUCCESSO OGGI...

16enni uccise a Roma, rito abbreviato per Genovese. Mamme: «Speravamo di poterlo guardare negli...

0
"Per noi è una sofferenza che si rinnova tutti i giorni. Il fatto che Pietro Genovese non fosse in aula un po' ci ha deluso, speravamo almeno di poterlo guardare negli occhi....

Valle Martella, al via i lavori di rifacimento stradale

0
Oggi, Lunedì 13 Luglio, è partito il progetto di messa in sicurezza delle pavimentazioni stradali della zona di Valle Martella. Si tratta di un intervento finanziato dall’ASTRAL. Quest’ultima, società della Regione Lazio...

NETTUNO, ENNESIMO DELFINO RITROVATO MORTO SULLA SPIAGGIA

0
Risale alla mattinata di ieri la notizia dell'ennesimo ritrovamento di un esemplare di delfino morto sulle spiagge del litorale romano. Si tratta questa volta di un esemplare di stenella striata ed il rinvenimento...

LA PROCURA ROMA SEQUESTRA SEZIONE DEL TMB DI ROCCA CENCIA

0
La Procura di Roma ha stabilito ilsequestro di una parte del Tmb Rocca Cencia di Ama e hacontestualmente nominato amministratore giudiziario PierluigiPalumbo, attualmente amministratore giudiziario anche del Colarie quindi anche dei due...

Approfitta della prova della palestra per rubare negli spogliatoi

0
Ha approfittato di una seduta di prova in palestra per poter fare, indisturbato, razzia negli spogliatoi.Qualcosa pero' e' andato storto perche', una volta sorpreso, e' stato arrestato dai Carabinieri del Nucleo Roma...