Coronavirus, Coldiretti: «3 italiani su 4 spiano vicini scorretti»

0
Coronavirus, Coldiretti: «3 italiani su 4 spiano vicini scorretti»

ARTICOLI IN EVIDENZA

Per quasi tre italiani su 4 (72%) è giusto segnalare alle forze dell’ordine comportamenti scorretti come assembramenti di persone o feste in casa dei vicini con ospiti. E’ quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixè sui comportamenti degli italiani nel tempo del coronavirus. Si tratta di un risultato che – sottolinea la Coldiretti – evidenzia un elevato livello di responsabilizzazione della popolazione di fronte alla pericolosa emergenza con un condanna diffusa per azioni che mettono in pericolo la sicurezza di tutti.

L’88% degli italiani dichiara peraltro – continua la Coldiretti – di rispettare sempre le indicazioni ed i divieti in termini di uscite da casa, spostamenti e rispetto delle distanze sociali mentre un 11% sostiene di non riuscire sempre a farlo, come dimostra purtroppo la presenza di ancora troppe persone all’aperto. Si tratta – sostiene la Coldiretti – di un risultato incoraggiante dopo diverse settimane di forti restrizioni e all’indomani dell’annuncio del prolungamento delle misure strette di contenimento fino a dopo Pasqua. A sostenere un comportamento virtuoso da parte degli italiani costretti a rimanere a casa sono molte le iniziative promosse che vanno da internet alla televisione fino alla tavola che – continua la Coldiretti – e’ diventata un momento centrale della vita delle famiglie. Nell’ultimo mese di passione e’ praticamente raddoppiata la spesa a domicilio con un aumento record del 90% delle consegne nelle case soprattutto di chi come gli anziani ha maggiore difficolta’ ad affrontare le lunghe file dei supermercati, secondo l’analisi della Coldiretti relativa alle ultime cinque settimane di grande emergenza Coronavirus sulla base dei dati Iri.

L’aumento esponenziale della domanda – sottolinea la Coldiretti – ha mandato in tilt il sistema di consegne della grande distribuzione con un allungamento dei tempi e difficolta’ per i cittadini con maggiori problemi ad uscire da casa. Una esigenza che e’ stata colta dalle aziende agricole che – precisa la Coldiretti – hanno avviato appositamente la fornitura dei prodotti agricoli direttamente alle famiglie, senza intermediazioni. L’obiettivo della Coldiretti e’ garantire, soprattutto alle fasce piu’ deboli della popolazione, a partire dagli anziani e dai malati, la spesa alimentare direttamente dai contadini con prodotti freschi e di qualita’. Molte delle iniziative messe in campo in questo periodo nelle diverse regioni d’Italia sono visibili sul sito www.campagnamica.it e vedono coinvolte circa quattromila aziende agricole che nell’ultima settimana hanno effettuato 700mila consegne della spesa contadina. Si tratta – spiega la Coldiretti – di prodotti locali, a chilometri zero, nel rispetto della stagionalita’ che non devono percorrere grandi distanze prima di giungere a tavola e sono quindi piu’ freschi. E per quanti colgono l’opportunita’ di stare tra le mura domestiche per riscoprire le ricette tradizionali della cultura contadina gli agrichef, i cuochi contadini di Terranostra e Campagna Amica, hanno creato una serie di tutorial e corsi on line dove vengono spiegati trucchi e segreti della tradizione rurale. In vista della Pasqua in aiuto delle famiglie quest’anno – continua Coldiretti – i cuochi contadini si sono organizzati per portare direttamente a domicilio i menu tipici della tradizione delle realta’ locali, tramandati da generazioni nelle campagne. Gli agriturismi di Campagna Amica Terranostra si impegnano infatti a consegnare il pranzo pasquale direttamente nelle case degli italiani lungo tutta la Penisola con la possibilita’ di offrirlo anche a parenti e amici. Ravioli del Plin in Piemonte, il capretto al forno in Lombardia, l’insalata di tarassaco in Veneto, l’abbacchio alla romana nel Lazio, la coratella di agnello in Umbria e Marche, il Benedetto in Puglia, gli strascinati con cruschi in Basilicata – conclude la Coldiretti – sono solo alcune delle ricette tipiche della Pasqua proposte dagli agriturismi nei menu da consegnare direttamente nelle case.

È SUCCESSO OGGI...

Coronavirus, morto a Roma il poliziotto della scorta del premier Conte. Deceduti altri 2...

0
Si è spento nella scorse ore a Roma il Sostituto Commissario della Polizia di Stato Giorgio Guastamacchia di 52 anni, in servizio presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, in seguito alle complicazioni...

Infermiere “infedele” della provincia di Roma beccato con ingente materiale sanitario

0
Nella mattina di ieri gli agenti della Polizia di Stato del  commissariato Colombo, diretto da Isea Ambroselli, hanno proceduto all’arresto in flagranza di reato di D.P.E. romano di 50 anni,  resosi responsabile...