Rischio balzello del 5% su prestito regionale alle micro aziende. Correre ai ripari

0
Rischio balzello del 5% su prestito regionale alle micro aziende. Correre ai ripari

ARTICOLI IN EVIDENZA

Prestito a interessi zero ma con balzello del 5% e una burocrazia da sfiancare la residua pazienza di quelli che dovrebbero beneficiarne.  Rischia di essere un virus moltiplicatore di insoddisfazione il finanziamento regionale istituito per dare immediata liquidità a micro, piccole e medie imprese e partite Iva del Lazio, in crisi a causa delle misure adottate per battere Covid-19. La  delibera dovrebbe ottenere oggi il via libero definitivo dalla Commissione consiliare competente ma già sono note le modalità , una corsa ad ostacoli,  per accedere al finanziamento e i costi. L’importo è di  10.000 euro con durata: da 1 a 5 anni  il preammortamento di 12 mesi (solo per finanziamenti con durata di almeno 24 mesi), tasso di interesse zero, rimborso rata: mensile costante posticipata. Nessuna spesa da rendicontare . Quella che segue è una email spedita ad una cittadina di Capena dal consulente gestore di una piccola impresa insieme ai figli, dal consulente  finanziario della sede Cna di Tivoli. Intanto, l’email precisa che non possono accedere al fondo le imprese ed “i professionisti che hanno già ottenuto uno o più finanziamenti a valere sul Fondo Rotativo Piccolo Credito; non è in regola  con il versamento dei contrbuti previdenziali (inps, Inail, Cassa Edile) fino al 31 dicembre 2019.  nell’ultimo anno ha subito la revoca per inadempimento di finanziamenti e/o affidamenti,  • non è in regola con il rimborso dei finanziamenti, • sono oggetto di protesti e/o di iscrizioni e/o trascrizioni pregiudizievoli, con esclusione di quelle volontariamente concesse.  Documentazione: Visura Camerale (caso di domanda presentata da liberi professionisti; dichiarazione di inizio attività ai fini IVA resa all’ Agenzia delle Entrate Modello AA9/10); Documento e CF soci. Per le imprese in contabilità ordinaria, gli ultimi due bilanci depositati con ricevuta di deposito; per le imprese in contabilità semplificata, le ultime due dichiarazioni dei redditi – con ricevuta di invio – corredate delle situazioni contabili sulla cui base sono state redatte le dichiarazioni medesime”.   Ma non è finita, servono anche “situazione contabile al 31 dicembre 2019, numero iscrizione INPS;  Numero iscrizione INAIL, eventuale cassa edile • Iban su cui accreditare il finanziamento (qualsiasi conto dell’impresa). E veniamo ai costi : e’ richiesta  • una marca da bollo da 16 euro avere Pece e firma digitale, costo pratica 300 euro + Iva da pagare successivamente all’erogazione del finanziamento . Tessera CNA: 100 euro .Quote Coopfidi (se non socio): 51,60. Totale oltre 500 euro,  che sono il 5% del finanziamento. Cosi non va.  Un percorso così con balzello incluso è fatto per esasperare piu che per aiutare. Correre ai ripari è d’obbligo

Luca Benigni

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

CORONAVIRUS, D’AMATO: «OGGI REGISTRIAMO 20 CASI, DI QUESTI L’80% SONO CASI DI IMPORTAZIONE»

0
“Oggi registriamo un dato di 20 casi. Dei nuovi casi l’80% sono quelli di importazione (16). Di questi casi di importazione 12 hanno un link con voli di rientro dal Bangladesh già...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...