BARILLARI: APERTO PROCEDIMENTO CONTRO ME, VOGLIO PROCESSO PUBBLICO

0
BARILLARI: APERTO PROCEDIMENTO CONTRO ME, VOGLIO PROCESSO PUBBLICO

ARTICOLI IN EVIDENZA

Per Barillari “resta solo l’amarezza di aver creduto in questa forza politica per 10 anni e averci dato anima, cuore e passione. Essere cacciati con la scusa del nome del sito internet e’ l’ennesima e ultima prova, per quanto mi riguarda, di quanto profondamente abbiamo tradito i nostri ideali e il distrutto il sogno di milioni di italiani”.
Intanto stasera il gruppo M5S della Regione Lazio si riunira’ per decidere sull’espulsione di Barillari: “Oggi saro’ processato ‘virtualmente’ da un tribunale composto da 5 persone (il gruppo e’ composto in totale da 10 consiglieri, ndr): Roberta Lombardi, Devid Porrello, Loreto Marcelli, Valerio Novelli, Marco Cacciatore. Miei colleghi con i quali ho lavorato fino a poco tempo fa. Non riconosco la legittimita’ di questo tribunale che votera’ in tutta fretta alle 21 di oggi in teleconferenza. Per non fornire altri stupidi pretesti, ho gia’ fatto pervenire loro comunque le mie considerazioni che smontano in un soffio ogni accusa. Se devo essere espulso dal MoVimento 5 Stelle, forza politica alla quale ho dedicato tutti i miei ultimi 10 anni di vita, ho il pieno diritto ad avere un processo pubblico e trasparente. Pretendo che siano gli elettori che mi hanno votato, e la tanto vituperata ‘base’ degli iscritti, a giudicarmi. Loro sono l’unico tribunale che riconosco. Se gli attivisti diranno che ho sbagliato, daro’ le mie dimissioni da consigliere regionale il giorno stesso”.
In tanti, conclude dopo aver ripercorso i fatti di questi giorni, hanno firmato l’appello su Change.org contro l’espulsione di Barillari: “Ringrazio gli oltre 1000 attivisti e cittadini che in meno di 24 ore hanno firmato l’appello https://www.change.org/p/davide-barillari-davide-barillari-non-dev e-essere-espulso-dal-movimento-5-stelle”, ha detto il consigliere per poi concludere: “Ho chiesto di votare stasera al posto della mia espulsione la mozione di sfiducia all’attuale capogruppo, Roberta Lombardi, orgogliosa madrina del ‘Laboratorio Lazio’, per rompere lo scellerato patto fra M5S e PD in Regione Lazio.
Secondo voi verra’ mai votata?”.

È SUCCESSO OGGI...