Coronavirus, meno contagiati. E per il secondo giorno consecutivo anche il numero dei deceduti è in calo

0
Coronavirus, meno contagiati. E per il secondo giorno consecutivo anche il numero dei deceduti è in calo

ARTICOLI IN EVIDENZA

Dati relativamente confortanti, quelli di oggi, in merito al coronavirus, perchè ci sono meno contagiati ed è il secondo giorno consecutivo. Complessivamente 63.927 persone in Italia sono risultate positive. Attualmente sono 50.418 le persone positive, con un incremento di 3.780 rispetto a ieri.
Lo ha reso noto il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli.
Sono 7.432 le persone guarite, con un aumento di 408 unità rispetto a ieri. I deceduti sono 6.077, 601 in più rispetto al dato complessivo alla data di ieri, ma questo numero potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avra’ stabilito la causa effettiva del decesso.

”Un grande contributo alle curve viene dalle regioni dove c’è una forte circolazione, cioè le regioni del Nord. Il nostro sforzo è quello di evitare che le regioni del Sud” riproducano lo stesso andamento, ha spiegato Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. Al Sud ” La curca sembra non impennarsi. Da un lato ci conforta, dall’altro, la rassegna stampa mostravano immagini di strade piene di gente, cose che non si vedono in altri contesti. Se l’atteggiamento sarà rigoroso, e unitario nel Paese, c’è la concreta possibilità che le curve non prendano un andamento simile al Nord”.

Brusaferro ha ribadito che “questa è una settimana molto importante” per capire l’efficacia delle misure di contenimento. ”Le nostre misure si articolano con due gambe, possiamo dire. La prima è quella che censiamo ogni giorno, cioè la risposta come cura negli ospedali e nelle terapie intensive. Una gamba importante, messa a dura prova in alcune regioni”, mentre la seconda è “la parte domiciliare. Per fare in modo che la curva torni a scendere servono le misure di distanziamento sociale, ma non può prescindere dal fatto che i nuovi positivi o i sospetti riducano in maniera drastica la possibilità di trasmettere l’infezione agli altri”.

È SUCCESSO OGGI...