Rifiuti, come far risparmiare ai romani 17 milioni di euro. Le scelte di Ama e il futuro incerto

0
Rifiuti, come far risparmiare ai romani 17 milioni di euro. Le scelte di Ama e il futuro incerto

ARTICOLI IN EVIDENZA

L’ennesima emergenza rifiuti a Roma potrebbe arrivare a costare 170 euro a tonnellata. È questo il prezzo che si deve pagare per trasferire l’immondizia fuori la regione dopo il recente blocco di Mad delle discariche di Roccasecca e Civitavecchia, senza considerare minimamente un’alternativa esistente che consentirebbe di risparmiare di far risparmiare 17 milioni di euro ai romani. Forse ad Ama e al Comune di Roma, un risparmio di 17 milioni di euro l’anno nei propri bilanci sembrano essere poca cosa, ma probabilmente ai romani, già provati dall’emergenza rifiuti, la situazione potrebbe non sembrare proprio così irrilevante.

Trasferire oggi fuori regione i rifiuti di Roma arriva a costare anche fino a 170 euro a tonnellata, mentre c’è chi nel Lazio si è offerto di trattarli a 80 euro a tonnellata. La differenza sta tutta lì, in quei 630mila euro in più che costerebbe oggi trasferire fuori dal Lazio quelle 7mila tonnellate stoccate nei centri di trasferenza citati poc’anzi, o piuttosto conferirli all’azienda che ha messo nero su bianco la sua offerta ad Ama. Un risparmio stimato in tutto il 2020 in circa 17 milioni di euro per le tasche dei romani.

Nel frattempo si attende che si sblocchi la situazione di Monte Carnevale, che a quanto riporta Il Messaggero farebbe capo ad una società riconducibile allo stesso imprenditore proprietario delle discariche di Roccasecca e Civitavecchia che lo sorso fine settimana ha bloccato la raccolta nella Capitale per un problema legato ai codici a specchio che però sembrerebbe essere stato prontamente risolto dalla Regione Lazio delegando ad Arpa e al suo direttore generale l’indicazione delle linee guida da osservare in questi casi. Probabilmente sollevando così i dirigenti regionali da un bel pò di eventuali grattacapi sulla questione.

Intanto sempre sui rifiuti, a Raggi e a Zingaretti arriva un duro attacco da parte dell’onorevole Claudio Durigon, commissario romano della Lega. «Noi siamo per i termovalorizzatori, ci sono regioni del nord come l’Emilia Romagna che ne hanno ben 8 –spiega Durigon intervistato dall’agenzia Dire -. Il ciclo dei rifiuti va chiuso in qualche modo e mi meraviglia che per la sinistra i termovalorizzatori vadano bene in Emilia Romagna mentre qui no. E’ inconcepibile che Zingaretti in 7 anni non abbia messo mano ad un piano per chiudere il ciclo nella nostra regione. Tutto questo oggi lo sta pagando la Capitale anche per colpa della Raggi che non si è fatta sentire col presidente della Regione» 

È SUCCESSO OGGI...