Il giorno della memoria a Genazzano

0
Il giorno della memoria a Genazzano

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Io la speranza ce l’ho, ho sempre scelto la vita, ho conosciuto nella mia vita tanti affetti, un lungo amore”. Con questa frase di Liliana Segue, l’Anpi sezione Monti Prenestini e Alta Valle del Sacco, presenta il Giorno della memoria, per ricordare le vittime del nazifascismo e rendere onore ai tanti caduti in un paese, Genazzano, simbolo della Resistenza in provincia di Roma.

Qui sono ancora vive nel ricordo di tante famiglie le ferite della Guerra. Alcuni luoghi sono ancora oggi un emblema della Resistenza di questo popolo, come la casa di G. Emilio D’Amico, Capo della Banda di Genazzano e martire delle Fosse Ardeatine, Colle Sant’Andrea, luogo di un rastrellamento tedesco, San Pio, usato come deposito di opere d’arte provenienti da Palazzo Venezia e Parco degli Elcini-Castello Colonna presso cui vi era il comando tedesco, le carceri ed i forni “Wass”.

Ricordi che sono parte dell’identità di ciascun genazzanese e che diventano manifestazioni di pensiero ed educazione in occasione delle grandi ricorrenze nazionali. Anche quest’anno l’Anpi, con il patrocinio del Comune di Genazzano, onorerà il Giorno della memoria, con un programma di appuntamenti dal 24 al 27 gennaio. Domani aprirà la mostra fotografica su Auschwitz e Mauthausen presso la sala multimediale del Castello Colonna, scatti emozionanti della tragedia che fu l’Olocausto. Il 26 gennaio è invece in programma una visita e una commemorazione al ghetto ebraico di Roma: appuntamento alla stazione di Valmontone per il treno delle 10;19. Infine il 27 gennaio l’Amministrazione comunale ricorda l’Olocausto presso la sala multimediale del Castello Colonna, con la partecipazione i di numerose personalità e amministratori.

È SUCCESSO OGGI...