Virus cinese, controlli negli aeroporti italiani: a Fiumicino attivati scanner

0
Virus cinese, controlli negli aeroporti italiani: a Fiumicino attivati scanner
adr cerca per aeroporto fiumicino addetti sicurezza e scalo

ARTICOLI IN EVIDENZA

Con il diffondersi dell’epidemia del nuovo coronavirus scoperto in Cina sale l’allerta anche in occidente, con l’Oms che ha convocato per domani un summit d’emergenza, Bruxelles che fissa una riunione sempre domani e i paesi europei che si muovono per prevenire il contagio. In Italia sono scattate le procedure di sicurezza previste in questi casi sui voli: il ministero della Salute ha disposto controlli a Fiumicino su quelli provenienti da Wuhan: da giovedi’ scattera’ l’attivazione di un canale sanitario con controllo della temperatura attraverso scanner. E’ prevista anche la compilazione di una scheda che indichi destinazione e percorso dei passeggeri, una volta sbarcati. L’Italia ha tre voli diretti con Wuhan, tutti a Fiumicino, e numerosi voli non diretti, il cui traffico di passeggeri dovrebbe aumentare in occasione del capodanno cinese. Come previsto dal Regolamento Sanitario Internazionale, presso l’aeroporto di Fiumicino e’ in vigore infatti una procedura sanitaria, gestita dall’USMAF
SASN, per verificare l’eventuale presenza a bordo degli aerei provenienti da Wuhan di casi sospetti sintomatici e il loro eventuale trasferimento in bio-contenimento all’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma.
Misure necessarie anche perche’ in Europa sale l’allarme:
il Centro europeo di controllo delle malattie (Ecdc) ha ritoccato al rialzo la classificazione del rischio che il virus sbarchi nel Vecchio Continente, portandolo da “basso” a “moderato”. “La trasmissione da uomo a uomo – si legge nel report del Centro aggiornato oggi – e’ stata confermata, ma sono necessarie ulteriori informazioni per valutare la portata di questa modalita’ di trasmissione. La fonte dell’infezione non e’ nota e potrebbe essere ancora attiva. Pertanto, la probabilita’ di infezione per i viaggiatori in visita a Wuhan che hanno uno stretto contatto con individui sintomatici e’ considerata moderata. Di conseguenza, anche la probabilita’ di importazione di casi di 2019-nCoV nell’Unione europea e’ considerata moderata”.

Una decisione che non ha sorpreso il capo del dipartimento di Epidemiologia dell’Istituto Superiore di Sanita’, Gianni Rezza: “Avendo ormai appurato che il virus si trasmette da uomo a uomo, e osservando questo aumento dei casi in Cina con l’allargamento del focolaio rispetto al mercato di Wuhan da cui sembra essere nato tutto, aumentano le probabilita’ che arrivi una persona infetta nell’Unione Europea. E’ statistico”. Allo Spallanzani intanto e’ tutto pronto: “Non c’e’ nessun allarme in Italia, ma nell’eventualita’ siamo pronti a gestire questo tipo di emergenza”, dice all’AGI Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’ospedale. “La necessita’ primaria e’ quella di identificare precocemente le persone potenzialmente infette”, spiega. “Nel caso specifico del virus cinese, si fa molta attenzione alle persone che presentano sintomi respiratori e che siano stati in contatto con la zona di Wuhan o con persone che provengono da quell’area”, dice Ippolito. “In questo caso abbiamo un servizio di sanita’ aerea estremamente efficace: se il capitano si rende conto di avere a bordo una persona con sintomi respiratori che proviene dalle aree a rischio avvisa subito l’aeroporto di destinazione che attiva prontamente il controllo sanitario. Una volta che la persona ‘sospettata’ atterra viene subito messa in isolamento e vengono effettuate tutte le valutazioni del caso”. In ogni caso il ministero della Salute ha diramato diversi consigli utili, a partire dalla raccomandazione di “posticipare i viaggi non necessari”. “Se ci si reca in Cina, nella citta’ di Wuhan, provincia di Hubei si raccomanda di vaccinarsi contro l’influenza stagionale almeno due settimane prima del viaggio.
E’ raccomandato, inoltre, di evitare di visitare i mercati di prodotti alimentari freschi di origine animale e di animali vivi, evitare il contatto con persone che hanno sintomi respiratori. Qualora una persona sviluppi sintomi respiratori (tosse, mal di gola, difficolta’ respiratorie) mentre si trova a Wuhan, dovrebbe rivolgersi immediatamente a un medico.
Qualora una persona di ritorno da un viaggio a Wuhan sviluppi sintomi respiratori nei 14 giorni successivi al rientro, dovrebbe immediatamente rivolgersi ad un medico e informarlo del viaggio”. Per chi e’ tornato di recente da un viaggio in quelle aree, se nelle due settimane successive “si dovessero presentare sintomi respiratori (febbre, tosse, mal di gola, difficolta’ respiratorie) – avverte il ministero – a scopo precauzionale contattate il vostro medico di fiducia, riferendo del vostro recente viaggio”.

È SUCCESSO OGGI...

Minorenne colpisce un uomo al volto con una bottiglia: paura a Fiumicino

0
I Carabinieri della Stazione di FREGENE hanno dato un volto al giovane che, alle prime luci di domenica mattina, al culmine di una lite, scaturita per futili motivi, ha impugnato una bottiglia...

Lancia sassi contro un furgone per rapinarlo: paura a Roma

0
I Carabinieri della Stazione Roma Casal Bertone hanno arrestato un 19enne della Costa d'Avorio, senza fissa dimora, con l'accusa di tentato furto aggravato.Transitando su via Tiburtina, altezza Casal Bruciato, i Carabinieri hanno...

Stadio Roma, delibera in aula dopo l’estate

0
Sul nuovo stadio della Roma "stiamo andando avanti: a breve la delibera arrivera' in giunta. Agiorni? Si', compatibilmente con gli atti che sono in lavorazione nei vari uffici. Poi passera' in Assemblea...
cronaca di roma

Roma, lei vuole il divorzio, lui finge di volersi suicidare. Poi accade l’incredibile

0
E’ successo ieri nel primo pomeriggio, all’interno di un appartamento nel quartiere nomentano. Marito e moglie iniziano a discutere perché lei vuole il divorzio, la lite degenera e lui prima la insulta,...

CERCIELLO, COLLEGA VARRIALE IN AULA: TIRAMMO FUORI TESSERINO

0
"Ci avviciniamo ai due e tiriamo fuori il tesserino dicendo che eravamo Carabinieri". A riferirlo in aula, Andrea Varriale, il carabiniere che era di pattuglia in borghese insieme al vicebrigadiere Mario Cerciello...