Genzano, alle comunali di Primavera la sinistra va con Zoccoltti (Pd) e Lommi (lista civica)

0
Genzano, alle comunali di Primavera la sinistra va con Zoccoltti (Pd) e Lommi (lista civica)

ARTICOLI IN EVIDENZA

A proposito di sinistra un bell’osservatorio è Genzano, un tempo nota per il pane e per essere la Stalingrado del Pci e della sinistra nei Castelli Romani dal dopoguerra. Alle comunali del 2016 succede l’incredibile, sull’onda dei vaffa di Beppe Grillo anche nella ridente cittadina castellana vincono i i 5stelle che conquistano altri comuni del Lazio fra cui l’attigua Marino. Viene così eletto il nuovo sindaco nella persona di Daniele Lorenzon.

Passano meno di tre anni e nel marzo dello scorso anno si squaglia la sua maggioranza, il sindaco molla la poltrona e subentra il commissario per gestire la baracca sino alle prossime elezioni che dovrebbero svolgersi già nella prossima Primavera .

Ed è a questo punto che la sinistra e la destra sentono l’odore del sangue e si preparano alla contesa finale dando per scontato che ormai il movimento grillesco conta poco e niente. 

Alla fine un sano bipolarismo d’altri tempi, sembrerebbe . 

Ma mentre la destra ha ancora le idee poco chiare e naufraga la candidatura di Papalia perché la Lega di Salvini vorrebbe fare la parte del leone (d’altra parte come vorrebbe fare in tutto il Lazio, eccetto Roma dove grazie alla Meloni no pasaran), a sinistra i giochi sono già fatti.

Infatti il Pd ha già presentato il suo candidato nella persona del giovane Carlo Zoccolotti, piccolo imprenditore nel campo delle cooperative sociali e nella manutenzione del verde.

“Milita nel Pd di Genzano da ragazzo ed ha seguito sempre da vicino le vicende politiche del nostro paese, un candidato giovane, preparato, che conosce bene le realtà del nostro territorio, a contatto da sempre con i giovani”, ha detto il segretario locale del partito Carlo Valle. 

Ovviamente Zoccolotti ce la fa grazie all’augusta approvazione del segretario regionale Bruno Astorre, senza il quale nei Castelli non si muove foglia che lui non voglia.

E sin qui tutto bene, se non fosse che invece alla sinistra del Pd spunta un altro candidato, questa volta civico di “Noi Domani” , con Luca Lommi, già assicuratore e appassionato di motociclismo, che attualmente fa parte dello staff del consigliere regionale Daniele Ognibene, eletto alla Pisana con LEU lo scorso anno, nonostante alcuni maldipancia nel suo partito che gli avrebbero preferito l’ex consigliere Agostini (anche se il patito di Bersani aveva già garantito l’appoggio alla coalizione di Nicola Zingaretti).

Non c’è dubbio che attorno a questa operazione ci sia anche la mano di Carlo Ponzo, attualmente nel palazzo di via Cristoforo Colombo, dove fa  parte del team dell’assessore Mastella, oggi sottosegretario nel governo Conte. Il quale Ponzo esercita ancora una notevole influenza politica di base nell’area dei Castelli, controllando anche un manipolo di amministratori locali.

In effetti aleggia sempre il convitato di pietra dell’ex sindaco Gabbarini, che tuttavia pare aver convenuto con Astore sulla candidatura del giovane Zoccolotti così come l’ex onorevole Ileana Piazzoni è già passata con Italia Viva di Renzi.

Plastica rappresentazione che a livello nazionale il Pd può essere alleato con Speranza e Bersani, ma a livello locale le cose funzionano diversamente.

Ora il dubbio è se questa “pluralità” di candidature non finisca per favorire la destra una volta che trovino un candidato adeguato. Ormai i grillini sono  fuori gioco, e comunque deciderà il ballottaggio dove in caso di vittoria del candidato del Pd , anche Lommi potrebbe trovare una adeguata sistemazione politica.

Altrimenti la Stalingrado dei Castelli (quella di Sesto San Giovanni è stata già persa definitivamente) potrebbe trovarsi governata dalla Lega, una volta mollato Papalia sostenuto dai Fratelli della Meloni. 

Sempre nella speranza che l’elettorato davvero si appassioni a questa competizione davvero “plurale” e senza dimenticare che nelle precedenti comunali  a Genzano il primo turno lo vinse Gabbarini al 43% con la bellezza di 8 liste, mentre al ballottaggio portò a casa il 40%  dei consensi  contro Lorenzon al 59% (primo turno quasi 22%), ma con una percentuale di non votanti al primo turno del 36%, record storico di astensioni per la ridente cittadina del pane.

Giuliano Longo

È SUCCESSO OGGI...

Smog

Smog: Roma, Pm10 oltre limiti in 4 centraline su 13

0
Per il sesto giorno consecutivo i livelli di concentrazione delle polveri sottili a Roma sono superiori alla norma, cala pero' il numero delle centraline con rilevazioni sopra i livelli di guardia. I...

As Roma, rottura del crociato per Zaniolo: oggi l’intervento a Villa Stuart. Ecco quando...

0
"In seguito al trauma distorsivo subito durante la partita, Nicolò Zaniolo ha riportato la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro con associata lesione meniscale. Oggi sarà sottoposto a intervento chirurgico....

Drammatico incidente, si schianta con la moto contro un’auto parcheggiata: morto

0
Terribile incidente mortale ieri sera alle 20 circa. Un uomo di 48 anni a bordo di uno scooter, per cause ancora in fase di accertamento, ha perso il controllo del mezzo andando...

Guasto a Roma Termini, ritardi dei treni e traffico in tilt. Giornata nera per...

0
Un "inconveniente tecnico" agli impianti di circolazione di Roma Termini dalle 6,55 sta determinando un rallentamento della circolazione ferroviaria nel nodo di Roma, "con ritardi fino a 60 minuti". Ne dà notizia...

STAZIONE TIBURTINA – CARABINIERI ARRESTANO ENNESIMO CORRIERE DELLA DROGA

0
Ennesimo sequestro di marijuana la scorsa sera, effettuato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli nel corso di alcuni controlli antidroga nella zona della stazione ferroviaria “Tiburtina”. A finire in...