Assistenza domiciliare, dal 1 gennaio in vigore nuovo sistema. Giudizio sospeso ma forti perplessità

0
Assistenza domiciliare, dal 1 gennaio in vigore nuovo sistema. Giudizio sospeso ma forti perplessità

ARTICOLI IN EVIDENZA

«Con il DCA U00525 del 30 dicembre 2019, dal 1 gennaio 2020 verrà provvisoriamente riorganizzata l’assistenza domiciliare nel Lazio. Tale assistenza, da sempre ventre molle del nostro sistema sanitario, passerà da un sistema di aggiudicazione con gare al massimo ribasso ad un sistema di erogazione dell’assistenza da parte di soggetti accreditati.

Ma cosa cambierà per il cittadino? Che potràscegliere a chi affidarsi per assistere il proprio congiunto, mentre prima la ASL aveva un unico soggetto erogatore, quello aggiudicatario della gara pubblica.

Come sceglierà il cittadino? Da un elenco di soggetti, preventivamente accreditatie che devono pubblicare la propria carta dei servizi. Si passa così da un sistema monocratico alla piena libertà di scelta, per cui se l’assistenza non funziona la colpa sarà di chi ha scelto male.

Per quanto tempo verrà garantita l’assistenza domiciliare? Per 9 ore al giorno nei feriali.

Si pagherà? No. Fino al 31/12/2020 non ci sarà un costo aggiuntivo ma dopo tale data, per “l’assistenza tutelare professionale alla persona” sarà introdotta la compartecipazione alla spesa (ticket).

Cosa garantirà tale riorganizzazione? Che entro 72 ore dalla richiesta ci dovrà essere l’attivazione del Piano Assistenziale Individuale (PAI previsto ed approvato da una Unità valutativa multidimensionale dalla ASL (PAI). Ovvero l’attivazione dell’assistenza domiciliare.

E se non si attiva? Si passerà ad altro “erogatore”.

Cosa verrà fornito?Verrà fornito esclusivamenteIl personale sanitario non medico dell’assistenza domiciliare.

Ma i medici specialisti? Visto che gli accreditati non li forniranno più direttamente non potranno che essere quelli della ASL, del resto come già come avviene attualmentee saranno quelli con un contratto specificoper questo tipo di attività.Questi, infatti, sonouna garanzia per il cittadino poiché sono sicuramente specialisti a differenza di quanto avveniva prima quanto quelli forniti direttamente dagli accreditati non era dato sapere come erano stati preventivamente selezionati e se in possesso del titolo di specializzazione, cosa questa che non sarà più possibile con il nuovo DCA.

La telemedicina?  Nel programma provvisorio non c’è traccia. Sicuramente sarà previstama per ora non se ne parla. I farmaci? I presidi? Nel DCA non è previsto che vengano forniti dalla ASL.

Il medico di famiglia? Non ce ne è traccia alcuna. Che dovrà fare? Non lo sappiamo. Immaginiamo, visti i contenuti, nulla di piu’ rispetto ad oggi.

 

Per adesso, come OMCeO di Roma sospendiamo il giudizio sul nuovo DCA. Però a prima vista ed a caldo già sentir parlare di riorganizzazione provvisoria e transitoria non depone certo bene in una Regione come la nostra dove da trent’anni si parla della necessità di potenziare le cure domiciliari. Ma tant’è.  C’èanche da dire che ci si lancia in una politica iperliberista che in sanità, normalmente, non porta molto bene in termini di costi ed appropriatezza. Infatti neanche la liberista e liberale Lombardia ha scelto questa strada

Sembra piuttosto un tentativo di aumentare l’offerta al cittadinoma se, il prima possibile, non verranno introdotti dei necessari correttivi, si rischierà di innescare, inevitabilmente, derive da libero mercato che, anche queste, verranno alla fine pagate dai soliti noti, i pazienti, i familiari ed i medici curanti.

Pensiamo inoltre al fatto che, ci sono alcuni indicatori della performance per valutare l’affidabilità degli erogatori e cioè la percentuale di accessi al pronto soccorso sul numero di prese in carico per livello assistenziale, la percentuale di lesioni da decubito di nuova insorgenza sul numero di pazienti in carico, la percentuale di personale a tempo indeterminato.

Sul terzo indicatore molto bene, nulla da dire ma sugli altri due abbiamo qualche perplessità ed inoltre a nostro avviso non sufficienti a valutare l’attività svolta. Perché non aggiungere i risultati sanitari di qualità dell’assistenza e della speranza di vita di chi usufruisce del servizio?

Altra nostra preoccupazione è quella dei fenomeni di selezione, perché è vero che i pazienti scelgono, ma è anche vero che gli erogatori potranno selezionare le persone meno “difficili”, si chiama “cream skimming”, ovvero prendersi cura di soggetti meno deboli a rischio minore di complicanze, lasciando,da soli, i casi piu’ complessi.

In sintesi, come Ordine dei Medici guardiamo con favore ad una riorganizzazione delle cure domiciliari che tenda a prendersi cura delle persone più fragili al proprio domicilio e che esca da un sistema di gare al massimo ribasso e che si proponga come valida alternativa al ricovero in Ospedale, però qualificando gli erogatori e garantendo le risorse umane ed economiche necessarie e quindi uno standard di assistenza e cura più elevato.

Non troviamo in questo piano, seppur provvisorio,  la risposta alle perplessità appena espresse e che vorremmo quindi venissero maggiormente sostanziate, responsabilizzando e motivando gli operatori tutti e non scaricando solo sulle persone la responsabilità della scelta».

MCeO Roma e Provincia

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...