Calciomercato, la Roma tra Piatek, Diaz e Politano. Juve su Pogba. Fiorentina a caccia di Cutrone

0
Calciomercato, la Roma tra Piatek, Diaz e Politano. Juve su Pogba. Fiorentina a caccia di Cutrone

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Sono molto felice alla Roma, dove mi sento importante, e non penso affatto di andare via”. Javier Pastore, in un’intervista concessa ai media argentini, fa chiarezza sul proprio futuro dopo che alcune sue dichiarazioni avevano lasciato supporre un possibile divorzio. “Non sto pensando di tornare in Francia o in Sudamerica, le mie parole sono state tradotte male – prosegue il Flaco – Mi avevano chiesto della possibilità di tornare in Francia e ho replicato che nella vita non si sa mai.
Poi mi è stato chiesto in quale squadra avrei potuto giocare e ho risposto che, Psg a parte, il Lione è un club molto importante ma non ho mai detto di voler andare a giocare lì”. Pastore sottolinea che “abbiamo avuto un ottimo finale di anno con la Roma, siamo vicini alle prime, abbiamo superato il turno in Europa League e con l’arrivo di Fonseca ho ritrovato una continuità che mi mancava da anni. E’ andato tutto bene, spero di di poter continuare cosi’ e di vincere qualcosa di importante con la Roma.
Vogliamo lottare per lo scudetto, siamo a sette punti dalla vetta e dobbiamo ancora giocare con la Juve. Il mister ci ha convinti che bisogna lottare per tutto fino alla fine, deve essere questa la mentalità”.

Kalinic, chiuso da Dzeko, non ha soddisfatto Fonseca ed è in cima alla lista delle possibili operazioni in uscita. Per lui si cerca una destinazione e si va a caccia di un sostituto. Si parla di Piatek dal Milan. Ma sono previste novità anche sulla trequarti. Con l’affermazione di Zaniolo e Pellegrini potrebbe andar via qualcuno tra Under, Pastore e Perotti. In difesa c’è poco spazio per Juan Jesus. Si fa il punto anche sui terzini Florenzi, Spinazzola e Santon. Spinazzola interessa all’Inter e potrebbe essere inserito in una trattativa per portare a Roma il nerazzurro Politano, che piace anche al Napoli. Si allontana Faraoni del Verona.

Petagna, offerto dal suo agente, non convince e sul futuro di Pinamonti, alla luce del cambio di panchina al Genoa, vige un’incertezza eccessiva. A farsi invece sempre più largo è il profilo di Mariano Diaz, in uscita dal Real Madrid e soprattutto smanioso di vestirsi di giallorosso.


Il Milan si affida a Ibrahimovic per risalire la china, l’Inter cerca di rinforzarsi centrando il colpo Vidal, Napoli e Fiorentina preparano la riscossa con i nuovi tecnici Gattuso e Iachini. Quella iniziata è una sessione di mercato destinata a rivoluzionare il volto di diverse squadre della massima serie.
A raggiungere il loro primo obiettivo sono stati i rossoneri. Il ritorno di Ibrahimovic e’ un segnale forte per tentare l’inversione di tendenza dopo un’inizio di stagione deludente: un cambio di passo necessario soprattutto per il reparto offensivo, meno pungente che mai con appena 16 reti realizzate nelle prime 17 gare di campionato. L’arrivo dello svedese inevitabilmente renderà necessarie operazioni in uscita e un restyling dell’attacco. Si fa strada l’ipotesi di un reparto con due punte e un trequartista.

Al fianco di Ibra potrebbe esserci Leao, chiudendo le porte a Piatek, non a caso finito in cima alla lista delle possibili cessioni. Sembra vicino anche l’addio di Castillejo, solo 8 presenze finora, con possibile destinazione Atletico Madrid. Mentre si tratta per far arrivare dal Barcellona il 20enne difensore francese Todibo. Idee più chiare nell’Inter, dove per continuare a lottare per lo scudetto si insiste da giorni per assicurare a Conte il pupillo Vidal. Intoccabile il 3-5-2, l’arrivo del cileno dal Barcellona garantirebbe qualità e quantità nel cuore del gioco, allungando una rosa che non garantisce sufficienti alternative, come lamentato dallo stesso tecnico dopo le sconfitte in Champions League.
La Juventus è avvertita ma i bianconeri non restano a guardare. Dopo il colpo Kulusevski, strappato proprio ai nerazzurri con un’operazione da 44 milioni di euro (il 19enne svedese resterà a Parma fino a fine stagione), la società campione d’Italia cerca di sistemare i tasselli che non hanno consentito finora alla squadra di Sarri di esprimere il miglior gioco possibile.
Più complessa la situazione a Napoli, protagonista di una prima parte di stagione bel al di sotto delle aspettative. I partenopei con Gattuso al timone sono vicini al 25enne centrocampista del Celta Vigo Lobotka e avrebbero messo gli occhi anche sul gioiellino della Fiorentina Castrovilli, che però i viola non sembrano intenzionati a cedere a metà stagione. In difesa i possibili partenti, ora o a fine stagione, sono soprattutto Hysaj e Ghoulam. Sulla destra viene data maggiore fiducia all’ex Empoli Di Lorenzo. Sulla sinistra interessa il milanista Ricardo Rodriguez, in questa stagione chiuso dal più convincente Theo Hernandez. La società di De Laurentiis avrebbe proposto un prestito. Vicino all’uscita Tonelli, Come centrale circola l’ipotesi Vertonghen del Tottenham.
A Firenze la ricostruzione dopo il cambio allenatore comincia dall’attacco. Infortunato Ribery, sotto le aspettative Boateng e Chiesa, Iachini ha bisogno di un’alternativa.
L’obiettivo principale è l’ex Milan Cutrone, ora al Wolverhampton in Premier League. Come riporta La Nazione, il calciatore avrebbe già dato il suo ok. Altro nome è Petagna della Spal. Con l’arrivo di un centravanti si valuta la cessione di Pedro, che interessa diversi club esteri. Per il reparto centrale si continua a lavorare per assicurarsi Duncan del Sassuolo, operazione vicina ai 20 milioni. Per quanto riguarda la parte bassa della classifica, Mattia Destro è vicino al passaggio dal Bologna al Genoa. Che ha anche ottenuto in prestito dalla Juve fino a fine stagione il portiere Perin.

In attacco l’allenatore ex Napoli e Chelsea dà maggiore spazio al tridente composto da Dybala, Higuain e Ronaldo. I nodi riguardano il centrocampo. Con l’infortunio di Khedira e le prestazioni non convincenti di Rabiot e Ramsey l’intervento sul mercato sembra una strada obbligata. Emre Can è sulla lista dei possibili partenti.
Sirene inglesi per Rabiot, che piace a Everton, Arsenal e Tottenham. Il sogno bianconero è il ritorno di Pogba, che però il Manchester United valuta ancora intorno ai 100 milioni.
Nessuna rivoluzione nella sorprendente Lazio di Simone Inzaghi. Il mercato sembra piuttosto fermo ma novità potrebbero arrivare dall’innesto di qualche giovane talentuoso.
Una delle ipotesi riguarda il centrocampista ungherese del Salisburgo Szoboszlai. Si allontana l’arrivo di Kiyine dalla Salernitana.

LA QUESTIONE POGBA

Il Manchester United si è stancato di Paul Pogba ed è disposto non solo a venderlo, ma anche ad abbattere sensibilmente il prezzo del cartellino. La stampa britannica dedica molto spazio alla vicenda del centrocampista campione del mondo. Il Daily Mail dà la notizia dell’intervento chirurgico alla caviglia al quale si sarebbe sottoposto il giocatore (nessuna conferma ufficiale dai “red devils” al momento) per un ulteriore stop di sei settimane. C’è anche una polemica in corso per la gestione del giocatore, visto che l’ex Juve è tornato in campo giocando due spezzoni di gare in 4 giorni, il 22 dicembre con il Watford, il 26 con il Newcastle.
Impegni che potrebbero aver provocato una ricaduta della lesione alla caviglia, costringendo il francese all’operazione.
Al di la’ di infortuni e problemi di gestione, il nome di Pogba resta sempre caldo in tema di mercato. Si parla di un possibile ritorno alla Juventus, ma per il “The Sun” la soluzione più probabile resta il Real Madrid con Zinedine Zidane che sarebbe felice di averlo, a differenza del club “blanco” che preferirebbe puntare su Valverde.

er il tabloid britannico, però, la chiave per accontentare tutti potrebbe essere Toni Kroos, giocatore che piace al Manchester United e che il Real farebbe partire volentieri proprio per far spazio a Pogba. La prima richiesta del club dell’Old Trafford per il cartellino del campione del mondo ha fatto scappare tutti. Ma i 180 milioni di sterline (poco meno di 210 milioni di euro) potrebbero diventare 100 (circa 115) e le cose potrebbero cambiare.

IBRA AL MILAN

“E’ bello che Cristiano Ronaldo sia in Italia, è bello per il campionato, vediamo che succederà quando giocheremo contro”. Così Zlatan Ibrahimovic nel giorno della conferenza stampa di presentazione come nuovo giocatore del Milan.
Ibra parla di CR7 che dalla prossima stagione avrà come compagno di squadra un suo connazionale, Dejan Kulusevski nuovo acquisto della Juve. “Per la Svezia è positivo che sia andato alla Juve, non abbiamo tanti giocatori che militano nei grandi club, ora ci siamo io al Milan e Dejan alla Juve ed è ovvio che sia un bene per il nostro calcio – dice il centravanti svedese -. Non ho visto le partite di Kulusevski perchè ero negli States ma ho sentito cose positive su di lui. Sono contento per Dejan, perchè quando si arriva in un grande club, capisci cosa bisogna fare per stare ai massimi livelli”.

È SUCCESSO OGGI...