Sgomberi, le associazioni battono il Campidoglio in tribunale

0
Sgomberi, le associazioni battono il Campidoglio in tribunale

ARTICOLI IN EVIDENZA

All’indomani delle prime vittorie in Tribunale contro Roma Capitale, che hanno stabilito
l’illegittimita’ di alcuni sgomberi, le associazioni assegnatarie od occupanti degli immobili di proprieta’ del Campidoglio tornano a reclamare a gran voce un nuovo regolamento che superi la
delibera 140/2015 della Giunta Marino. I ragazzi del Csoa Auro e Marco, della palestra popolare di San Lorenzo, della Dinamo di Centocelle e altri ancora hanno incontrato oggi la stampa in una
conferenza organizzata a via del Tritone, nella sede dei gruppi capitolini, dal consigliere romano di Sinistra X Roma e deputato di Leu, Stefano Fassina.


Nella struttura, ha spiegato Davide Rompioli, dell’Associazione De La Serna, che gestisce il Csoa Auro e Marco, “c’e’ stato un tentativo di sgombero nel 2016 ma siamo riusciti a bloccarlo. Eravamo tutti increduli per la sproporzione delle forze messe in campo: il centro Auro e Marco e’ un presidio di cultura e conoscenza, il Comune ci ha fatto causa con una richiesta di 6 milioni di euro conteggiati dal 1997. Noi siamo li’ dal 1992. Dopo l’occupazione abbiamo ottenuto la
preassegnazione, che pero’ non si e’ mai formalizzata in una assegnazione definitiva”. Lo stabile, ha aggiunto, “e’ stato oggetto di attenzione da parte della Cna che gia’ nel ’96 ne voleva mantenere la vocazione facendone un polo di arti e mestieri. Al tempo era uno scheletro di uno stabile, uno dei tanti ecomostri di Roma dove non e’ possibile quantificare la rendita catastale: oggi la giustizia dice che avevamo ragione noi, e noi continueremo a stare li’. È un patrimonio pubblico che sta li’ da generazioni”.
Per quanto riguarda il centro Auro e Marco, ha detto l’avvocato delle associazioni, Giuseppe Libutti, “la delibera 26/1995 del Consiglio comunale di Roma prevede una preassegnazione che va trasformata in assegnazione entro i 120 giorni dalla notifica. L’assegnazione definitiva non e’ mai avvenuta, noi contestiamo quindi l’illegittimita’ della riacquisizione in autotutela. La legge dice che i beni indisponibili o il patrimonio demaniale possono essere riacquisiti in autotutela, il patrimonio disponibile puo’ essere invece riacquisito se c’e’ una priorita’ su quel bene particolare. Questo e’ un edificio che e’ stato ristrutturato a spese degli assegnatari e il giudice dice che non e’ parte del patrimonio indisponibile e quindi non puo’ essere riacquisito in
autotutela. Non tutti gli sgomberi sono legali: in questo caso lo sgombero e’ e sarebbe totalmente illegittimo”. Tra i giudizi conclusi anche la Dinamo di Centocelle e la palestra popolare di San Lorenzo: “A Centocelle c’e’ un altro precedente positivo, vinsero per le stesse ragioni di Auro Marco nel 2017, e cosi’ anche un’associazione di Spinaceto. Solo io ho incardinato 5-6
giudizi, di cui conclusi Dinamo e poi la palestra popolare di San Lorenzo in autotutela perche’ non e’ stato emanato un procedimento di acquisizione. Tutti gli altri giudizi sono in fase processuale”.
Per Fassina “e’ evidente in Campidoglio la patologia del ricorso all’autorita’ giudiziaria per risolvere un problema che e’ invece politico e amministrativo. Roma Capitale ha un
patrimonio immobiliare notevolissimo e molti immobili sono vuoti o abbandonati. Negli anni sono state attivate in quegli spazi esperienze fondamentali per la citta’ in termini di welfare, da
cultura a sport e accoglienza, attivita’ che rappresentano un bene pubblico della citta’ che l’amministrazione dovrebbe valorizzare e non perseguitare, come sta facendo con una
malintesa interpretazione della legalita’ soprattutto dopo Mafia Capitale. Bisogna archiviare la delibera 140/2015 di Marino che metteva questi immobili in valorizzazione e nel piano di rientro,
la stessa Raggi ne aveva promesso il superamento in campagna elettorale ma questo regolamento non e’ mai arrivato”. 

Cosi’, ha spiegato il deputato, “abbiamo presentato noi una proposta due anni fa, ma vista l’immobilita’ dell’amministrazione non e’ mai stata discussa e nel vuoto amministrativo molte associazioni hanno chiuso a causa di richieste anche folli di milioni di euro di arretrati: a maggio abbiamo chiesto la discussione della nostra delibera in commissione Patrimonio e li’ e’ venuta fuori la difficolta’ dell’amministrazione che non vuole produrre alcun regolamento ma solo affidarsi all’inerzia degli uffici arrivando a fine consiliatura con una sorta di tolleranza nei confronti di un quadro che invece va regolamentato in modo proprio. Alla nostra proposta intanto hanno dato parere negativo perche’ non riconoscono la necessita’ di salvaguardare queste esperienze positive, anzi vorrebberro fare un bando e azzerare tutto dando un vantaggio non a chi ha fatto lavori, manutenzione e attivita’ sociali per 30 anni, ma a chi magari ha un patrimonio personale maggiore”.
Per l’esponente di Leu e Sinistra X Roma “bisogna salvaguardare queste attivita’ e i beni pubblici con un processo assolutamente trasparente che veda protagonisti i Municipi e le associazioni sotto il controllo dell’amministrazione: si fa un piano di attivita’, se ne verifica il rispetti e si salvaguardano le esperienze. Da mesi in Campidoglio continuano a promettere il
regolamento, l’ultima volta doveva arrivare a novembre: a gennaio chiederemo di calendarizzare la nostra delibera, devono assumersi la responsabilita’ politica del loro mancato intervento, perche’
se si azzera quello che c’e’ si determina un vero e proprio sfacelo della citta’ e un peggioramento del quadro sociale con effetti devastanti. È inaccettabile che dopo quasi quattro anni ancora manchi un regolamento, e’ un modo vile di scaricare una competenza dell’amministrazione”.

È SUCCESSO OGGI...

Lazio, Zingaretti: Cotral azienda sana compra 500 nuovi bus

0
"Io sono molto contento perche' alcuni anni fa non ci credeva nessuno, perche' Cotral era un'azienda veramente in pericolo per i debiti che aveva e per il vecchio parco autobus, ma invece...

CIVITAVECCHIA, CONTROLLI DEI CARABINIERI NEL FINE SETTIMANA. 5 PERSONE NEI GUAI

0
Lo scorso fine settimana, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno svolto un servizio coordinato di controllo del territorio predisposto dal Gruppo Carabinieri di Ostia incentrato sul territorio del comune di Civitavecchia...

Roma, aggrediscono con pugni e calci due baristi che non danno loro da bere....

0
Non hanno gradito il rifiuto i due giovani ragazzi che, entrati in un bar in zona eur quando il locale stava chiudendo, nella notte fra sabato e domenica, hanno aggredito  due baristi...

Codacons: «A Roma strisce pedonali irregolari, zebre si scoloriscono subito»

0
La vernice utilizzata per la realizzazione delle strisce pedonali sulle strade della capitale non rispetterebbe i parametri di legge e, forse anche per questo, le zebre si scoloriscono velocemente, diventando invisibili e...

Drammatico incidente stradale, auto contro palo: muore 20enne vicino Roma. Grave l’amica

0
Incidente stradale mortale la notte scorsa alle 2.30 all'altezza del chilometro 16.300 di via Braccianese Claudia, ad Anguillara Sabazia, dove un'auto è finita contro un albero. A perdere la vita una ragazza di...