Carabiniere ucciso a Roma, ecco la ricostruzione dell’Arma

0
Carabiniere ucciso a Roma, ecco la ricostruzione dell’Arma

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Rega e Varriale non hanno usato le armi perche’ non c’e’ stato il tempo di reagire. E il carabiniere Varriale non poteva sparare a un soggetto in fuga. I colpi in aria a scopo intimidatorio non sono previsti dal nostro ordinamento”. Cosi’ il comandante provinciale dei Carabinieri di Roma, Francesco Gargaro, durante la conferenza stampa sull’uccisione del vice brigadiere Mario Cerciello Rega avvenuta nel quartiere Prati di Roma, la notte tra il 25 e il 26 luglio.

Nell’inchiesta per l’omicidio del vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega “ci sono ancora aspetti da approfondire”.”L’indicazione del fatto che fossero stati due maghrebini e’ stata data da Brugiatelli”, la persona che era stata derubata della zaino.  “Ha parlato di due persone di carnagione scusa, presumibilmente maghrebini – sottolinea -. Lo ha detto perche’ aveva il timore di dire che conosceva gli autori dell’omicidio.
Non voleva essere associato al fatto. Solo dalle immagini si e’ scoperto l’antefatto”. Lo ha detto il procuratore aggiunto di Roma, Michele Prestipino, durante la conferenza stampa sul caso dell’omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega.

“Gli interrogatori sono stati effettuati con tutte le garanzie difensive – spiega -, alla presenza dei difensori, dell’interprete e previa lettura di tutti gli avvisi di garanzia previsti dalla legge. Gli interrogatori sono stati anche registrati”.

“Non abbiamo fatto accertamenti tecnici, ma certamente i ragazzi erano abbastanza provati. Probabilmente avevano fatto uso di droga, alcol oppure di entrambi. Finn aveva preso dei farmaci e ci ha raccontato di aver bevuto shottini e birra”. A dirlo Nunzia D’Elia, procuratore aggiunto alla Procura di Roma, esponendo i dettagli relativi all’interrogatorio dei due cittadini americani indiziati per l’omicidio di Mario Cerciello Rega. Secondo D’Elia, la testimonianza resa dagli indiziati nelle ore successive e’ stata comunque “lucida, lunga e con dettagli”.

È SUCCESSO OGGI...