Sea Watch, Carola Rackete ringrazia dopo la liberazione

0
Sea Watch, Carola Rackete ringrazia dopo la liberazione

ARTICOLI IN EVIDENZA

Grazie ai legali e rassicurazioni all’equipaggio della Sea Watch: queste le prime parole della capitana Carola Rackete, come riferito nel corso della conferenza stampa convocata dalle associazioni alla stampa estera, dalla portavoce di Sea Watch Giorgia Linardi. “Mi ha detto di ringraziare i legali per il lavori fatto insieme perché Carola ha usato il tempo dell’isolamento per ricostruire l’accaduto – ha aggiunto -. Mi ha chiesto di mandare rassicurazioni e saluti all’equipaggio”. Carola Rackete, spiega ancora Linardi, “è ancora in Italia, ma non è detto che vi si trovi nelle prossime ore o giorni”. La capitana “sta bene. Ha trascorso tre giorni di isolamento, non si rende conto della risonanza che la vicenda sta avendo“. E sul caso aggiunge: “Che una nave umanitaria venga considerata la più urgente minaccia all’ordine pubblico, credo che questo renda ridicolo il Paese. L’ordinanza di ieri ristabilisce ordine sulla gerarchia delle norme e restituisce dignità al Paese”.

 

 

 

E per quanto riguarda le polemiche con il ministro dell’Interno italianoMatteo Salvini, Linardi taglia corto: “Prendiamo atto che è una persona che ci insulta dalla mattina alla sera invece di ottemperare ai suoi compiti. Nessuno – aggiunge – può chiamarci vicescafisti o quant’altro senza averne prova e non dire una parola quando a una donna viene insultata e le viene augurato di essere stuprata”.

È SUCCESSO OGGI...

Processo d’appello per i due balordi che hanno paralizzato il giovane nuotatore Bortuzzo

0
Il 3 febbraio 2019 con un colpo di pistola due balordi sparano al  ventenne nuotatore Manuel Bortuzzo paralizzandolo su una sedia a rotelle. Oggi la Procura generale ha chiesto la conferma in appello della...