Emergenza rifiuti, parte esposto per epidemia colposa

0
Emergenza rifiuti, parte esposto per epidemia colposa

ARTICOLI IN EVIDENZA

Come annunciato nei giorni scorsi, e dopo una temporanea sospensione per verificare le promesse dell’Ama, il Codacons deposita oggi l’esposto alla Procura della Repubblica di Roma per la fattispecie di epidemia colposa.

“Nonostante le rassicurazioni da parte dei vertici Ama, la situazione dei rifiuti nella capitale non è migliorata, e dà vita a timori per possibili ripercussioni sul piano sanitario e su quello igienico – spiega il presidente Carlo Rienzi – Abbiamo atteso qualche giorno per verificare se le promesse dell’azienda portassero ad interventi concreti, ma così non è stato e la spazzatura si accumula sulle strade e marcisce sotto al sole cocente, mettendo a repentaglio la salute dei residenti”.

Con l’esposto in Procura il Codacons chiede alla magistratura di aprire una indagine sull’emergenza rifiuti a Roma, per la possibile fattispecie di epidemia colposa, reato che si configura anche solo in presenza di un pericolo per la collettività.

L’associazione ha deciso inoltre di offrire un servizio ai romani vittime della spazzatura: tutti coloro che vogliono segnalare situazioni di criticità e di pericolo sul fronte igienico e sanitario, possono inviare un messaggio Whatsapp al numero urbano messo a disposizione dal Codacons (063725809) allegando foto dei rifiuti, data, ora e luogo della segnalazione, che verrà poi girata all’Ama e alla Procura per gli interventi del caso.

Il Codacons fornirà inoltre informazioni agli utenti su come chiedere la riduzione della Tari in caso di disservizi nella raccolta della spazzatura nel quartiere di residenza.

È SUCCESSO OGGI...