Europei di calcio, Roma in ritardo: arriva un super commissario

0
Europei di calcio, Roma in ritardo: arriva un super commissario

ARTICOLI IN EVIDENZA

Roma e’ in forte ritardo sul fronte dell’organizzazione degli Europei di calcio del 2020. Per questo nel Dl Cultura sulle fondazioni lirico-sinfoniche il Governo ha inserito un articolo, per la precisione il numero 5, che permette al Campidoglio di creare la figura di un super commissario in grado di velocizzare l’iter di molti passaggi legati ai preparativi delle partite, in particolare per quella inaugurale che si svolgera’ nella Capitale il 12 giugno 2020. Una richiesta arrivata al Governo direttamente dal sindaco di Roma, Virginia Raggi.
L’inserimento di una norma legata al calcio in un provvedimento dedicato alla musica classica, sfruttando la finestra legislativa piu’ ravvicinata vista l’urgenza del provvedimento e il suo mancato inserimento nel Dl Crescita, e’ stato reso possibile da un cavillo, un riferimento al patrimonio culturale della citta’. Il primo comma dell’articolo 5 recita infatti che “al fine di garantire l’integrita’ e la tutela del patrimonio storico, artistico e culturale della Capitale e assicurare la tempestiva realizzazione degli interventi inerenti la manifestazione Uefa Euro 2020, Roma Capitale puo’ nominare un commissario straordinario con il compito di provvedere in via esclusiva all’espletamento delle procedure dirette alla realizzazione di lavori e all’acquisizione di servizi e forniture, anche per eventi strettamente connessi allo svolgimento della manifestazione sportiva”.

È SUCCESSO OGGI...