Si impicca in carcere: era imputato in ‘cold case’ per omicidio

0
Si impicca in carcere: era imputato in ‘cold case’ per omicidio

ARTICOLI IN EVIDENZA

Si chiama Stefano Monti, 59 anni, ed era imputato per omicidio in un ‘cold case’, il detenuto che questa mattina si e’ impiccato nel carcere della Dozza di Bologna. La prossima settimana (il 26 giugno) era prevista la sentenza della corte di assise dopo che la difesa aveva chiesto l’assoluzione di Monti in replica alla procura che ne aveva sollecitato la condanna all’ergastolo. Monti era stato arrestato nel giugno 2018, dopo 19 anni dai fatti contestati, ovvero, dall’omicidio di Valeriano Poli, 34enne buttafuori ucciso a colpi di pistola la sera del 5 dicembre 1999 a Bologna. Il 59enne si e’ sempre dichiarato innocente. La sua posizione era gia’ stata archiviata in passato e dopo la riapertura delle indagini era stato accusato di aver ucciso il buttafuori per una vendetta personale scaturita da una violenta lite tra i due risalente a nove mesi prima dell’omicidio (marzo 1999) all’esterno di una nota discoteca bolognese

È SUCCESSO OGGI...