Roma, maxi blitz contro i parcheggiatori abusivi “molesti”

0
Roma, maxi blitz contro i parcheggiatori abusivi “molesti”

ARTICOLI IN EVIDENZA

Servizio straordinario di controllo del territorio dei carabinieri finalizzato al contrasto dell’abusivismo commerciale e del degrado nel quadrante tra Fontana di Trevi, piazza di Spagna, via del Corso e piazza del Popolo. Denunciate 5 persone, contravvenzionati 22 venditori ambulanti, elevato sanzioni amministrative per 113.500 euro e sequestrate migliaia di prodotti con marchi contraffatti e vari oggetti venduti senza autorizzazione. I Carabinieri hanno setacciato tutti gli angoli di strada e le aree di sosta alla ricerca di parcheggiatori abusivi e di venditori molesti “acchiappa-clienti”. Quattro stranieri (un 37enne del Bangladesh, un 42enne del Mali, un 42enne e un 44enne del Senegal) sono stati denunciati per commercio di prodotti con segni falsi. I Carabinieri li hanno sorpresi mentre vendevano borse da donna, portafogli e cinte, tutte contraffatte e sequestrate.

Un parcheggiatore abusivo di 40 anni e’ stato denunciato per tentata estorsione perche’ sorpreso, in piazza Augusto Imperatore, mentre con atteggiamento aggressivo e minaccioso pretendeva denaro da una giovane che aveva parcheggiato la propria autovettura nelle aree di sosta contrassegnate da strisce blu a pagamento. Altre 22 persone (20 cittadini del Bangladesh e 2 del Senegal) sono stati contravvenzionati per la vendita ambulante senza autorizzazione e sequestrato migliaia di pezzi tra aste allungabili per selfie, palline, poncho, power bank, cover per smartphone, braccialetti e ombrelli. Si aggiravano tra la folla di passanti e turisti cercando di vendere la loro merce, anche con fare insistente.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...