Lazio Ambiente, si torna a scioperare: alta tensione a Colleferro

0
Lazio Ambiente, si torna a scioperare: alta tensione a Colleferro

ARTICOLI IN EVIDENZA

Sembra di rivivere i momenti del tracollo del consorzio Gaia. Questa volta cambia il nome ma non la storia. Lazio Ambiente, la nuova azienda regionale dei rifiuti regionale, è di nuovo ripiombata in una crisi nera. Questa mattina oltre 300 lavoratori hanno manifestato davanti alla sede dell’azienda per chiedere chiarimenti sugli stipendi arretrati e il futuro della società.

Uno sciopero che crea disagi al servizio nei Comuni e qualche problema alla viabilità ordinaria.

Nei giorni scorsi l’Amministratore unico della società, Gregorio De Narda ha confermato che non ci sono liquidità per gli stipendi di marzo e che dunque i lavoratori non riceveranno il proprio salario. Immediata la reazione dei dipendenti che hanno annunciato un presidio fisso fuori la sede della società regionale, a Colleferro e una giornata di sciopero totale per il 10 aprile.

L’USCITA DI FRASCATI

Intanto l’Amministrazione Comunale di Frascati ha deciso di interrompere il rapporto di collaborazione con Lazio Ambiente non concedendo l’ennesima proroga al contratto di servizio già da tempo scaduto.

Al momento si è  deciso di concedere una proroga di 15 giorni a Lazio Ambiente per consentire al Comune di individuare, tramite una procedura straordinaria, un operatore del settore che per pochi mesi possa garantire l’erogazione del servizio.

È SUCCESSO OGGI...