Regionali del Lazio, circola insistentemente la candidatura di Gasparri ma Pirozzi incombe

0
Regionali del Lazio, circola insistentemente la candidatura di Gasparri ma Pirozzi incombe

ARTICOLI IN EVIDENZA

Camere chiuse  “chi ha dato ha dato ha dato chi ha avuto avuto….” ricorda la nota canzone napoletana. Sin qui nulla di nuovo sul fronte occidentale, sempre per restare in tema di citazioni, se non fosse che le danze cominciano proprio adesso con la campagna elettorale. 

Sulle elezioni politiche scorreranno fiumi di parole e commenti che lasciamo ai grandi commentatori e ai talk shows, solo che queste coincideranno con le elezioni regionali che, si dice, qualcuno vorrebbe rinviare di qualche settimana.  

Qui la questione delle candidature per il Lazio si complica perché le certezze riguardano  Nicola Zingaretti che cerca la ri-conferma con una larga coalizione di sinistra e  la grillina  On. Roberta Lombardi che spera di lucrare sulle politiche che vedono i 5 Stelle primo partito nei sondaggi. Poi c’ e l’outsider Sergio Pirozzi che corre con la sua lista civica dello scarpone, anzi per esser precisi , dall’impronta dello scarpone.

Un problemino per il centro destra , almeno visti i sondaggi che occorre sempre prendere con le pinze, ma per i quali il Pirozzi viaggerebbe al 20% dei consensi pur  rifiutandosi ad entrare  nelle logiche di una coalizione che potrebbe anche vincere se unita,. 

Da tempo la stampa vicina a Berlusconi e quella locale infeudata ai boiari del centro destra, fa trapelare (sic) il nome del senatore Gasparri.  Personalità della destra confluito con Fini nel Pdl e ri-confluito in Forza Italia. In verità lui non è particolarmente gradito dagli ex sodali di An (leggi Fratelli D’Italia della Meloni). Solo che, a detta di qualche quotidiano di area, il senatore potrebbe anche concorrere alla disfida regionale se il suo partito gli confermasse la poltrona al Senato nel caso le cose dovessero andare male chiuse le urne nel Lazio.

Misssion se non impossible molto difficile alla luce del rinnovamento delle liste di FI che Berlusconi vorrebbe. E sempre che Gasparri sia  disponibile a fare l’agnello sacrificale  per emulare  Giorgia che nemmeno arrivò al ballottaggio con la Raggi grazie  quel 10% dei consensi  gli sfilò Alfio Marchini per conto di Forza Italia. 

Un rischio che  qualcuno nei Fratelli deve aver fiutato se l’on. Rampelli  ultimamente  si è dichiarato possibilista nei confronti di una candidatura di Pirozzi che aveva appena massacrato sul Foglio di Cerasa/ Ferrara che vende  qualche migliaio di copie, ma viene compulsato là nei palazzi dove si conta.

Da parte sua non è che il Pirozzi con quel suo “vado avanti comunque” si renda disponibile alle mediazioni nello schieramento del centro destra che pure gli è  affine, ma non è detto che moderi i toni senza pretendere che la coalizione  vada da lui con il piattino in mano.  

Rebus sic stantibus  i giochi del Lazio si decideranno (forse a ore, ma ne dubitiamo) a livello nazionale negli equilibri fra Berlusconi, Salvini e Giorgia Meloni improvvisamente assurta alla benevolenza dell’ex Cavaliere nonostante quel 4.9 dei consensi attribuiteli da i sondaggi.

Il problema di Silvio (che i sondaggi li legge eccome) è quello della leadership del centro destra che Matteo rivendica nonostante Forza Italia sia in crescita  sulla Lega ormai distaccata di qualche punto da FI soprattutto al nord, anche se Salvini punta a recuperare nel centro sud, dove, guarda caso, sino ad ora sostiene il ’civico’ sindaco di Amatrice .                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                          

La partita del Lazio dovrebbe comunque chiudersi   entro l’Epifania e se Pirozzi  si convincesse  che i re Magi (Berlusconi, Salvini e Meloni) non si recheranno alla sua capanna con oro incenso e mirra, accettando la possibilità di un onorevole compromesso, sempre che Gasparri non sia davvero il prescelto da Arcore. 

In tal caso la Lombardi e Zingaretti potrebbero davvero sorridere nella speranza di doversela sbrigare fra loro senza terzi o quarti incomodi in uno scontro nel quale nessuno dei due è favorito a priori, nemmeno dai sondaggi.

Giuliano Longo

È SUCCESSO OGGI...