Roma Capitale, Aula approva i primi 15 emendamenti M5S al Dup

0
Roma Capitale, Aula approva i primi 15 emendamenti M5S al Dup

ARTICOLI IN EVIDENZA

L’Assemblea capitolina ha approvato, prima dell’interruzione dei lavori per la pausa pranzo, la prima quindicina di emendamenti presentanti dal gruppo del M5S al Documento Unico di programmazione abbinato al Bilancio di previsione 2018-2020 di Roma Capitale. Tra gli emendamenti approvati, essenzialmente misure d’indirizzo come la previsione della pubblicazione più tempestiva sul portale del Comune da aprile 2018 in poi dello stato di avanzamento delle attività del Dipartimento Urbanistica, a partire dalle affrancazioni; la digitalizzazione di tutto il procedimento deliberativo, dall’Aula fino ai municipi; l’introduzione di un meccanismo di consultazione dei lavoratori delle partecipate capitoline per il miglioramento dell’amministrazione e l’estensione ad essi della possibilità del whistleblowing contro eventuali illeciti., piccoli interventi di superamento delle barriere architettoniche e web, oltre alla realizzazione di giardini sensoriali in aree verdi in abbandono.

Qualche polemica si è accesa con l’opposizione sul tema dell’adesione del Comune a un progetto sperimentale sui vuoti a rendere, promosso da ministero dell’Ambiente, e di giochi inclusivi nei parchi comunali per ragazzi e bambini disabili e con ridotta mobilità. I due interventi, riproposti all’interno del Dup, erano oggetto di delibere proposta dalle opposizioni capitoline e in precedenza bocciati dal M5S: “stiamo contattando professionisti di esperienza in ambito psicologico per capire il vostro comportamento”, ha considerato il consigliere di Fdi Francesco Figliomeni, primo firmatario dell’atto bocciato sui giochi inclusivi, cui la consigliera del Pd Valeria Baglio ha fatto eco dichiarando: “siamo contenti che con questi emendamenti il M5S riconosca le prerogative e l’autonomia del Consiglio. Forse, però, li avete presentati perché non avete discusso a fondo con la Giunta le priorità e gli indirizzi di questo bilancio, che proprio nel Documento di programmazione andrebbero espressi con chiarezza. Un dato politico che rileviamo”, ha concluso.

È SUCCESSO OGGI...