Mussolini: «Costretta a chiudere pizzeria per affitto troppo alto»

0
Mussolini: «Costretta a chiudere pizzeria per affitto troppo alto»

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Ho chiuso per via dell’affitto del locale troppo alto. Da quello che sento anche altri commercianti hanno questo problema”. Così a 24 Mattino su Radio 24, intervistata da Luca Telese e Oscar Giannino, Alessandra Mussolini (FI), che è stata recentemente costretta a chiudere la sua attività commerciale a Roma, in zona piazza Bologna. “Eravamo un presidio per il territorio, la gente si era abituata, era illuminato la sera, inoltre davamo lavoro al banchista, a quello che faceva le pizze, con tanto di contributi, avevamo due dipendenti, più quelli che facevano le consegne a domicilio” ha spiegato l’europarlamentare, “come succede a tanti commercianti, a tanti piccoli imprenditori che rischiano anche con il proprio iniziale capitale di aprire un’attività ma poi con l’affitto, le tasse e tutto il resto non ce la fanno. La Confesercenti su questo non ha una visione unitaria e, quindi, purtroppo non apre a un mercato e non dà tutele. Tutela i vecchi, ma non consente di aprire ai nuovi. Devono dare indicazioni chiare sulle regole per chi apre ed ha una licenza di somministrazione, quindi… è molto complicato”. Ed ha concluso: “Ma io non demordo perché è stata un’esperienza importante. Occasioni come queste ti danno anche il contatto con la gente, con le loro abitudini, e quando poi lo fai in prima persona ti rendi conto delle tante difficoltà che vivono i commercianti. E quindi… resistere!”.

È SUCCESSO OGGI...