Vittorio Emanuele III sepolto al Pantheon? È polemica

0
Vittorio Emanuele III sepolto al Pantheon? È polemica

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Sono sicuramente felice” per il rientro in Italia delle spoglie della regina Elena e di Vittorio Emanuele III, “anche se non è lì che devono riposare. Il Santuario di Vicoforte è senz`altro imponente e fu costruito per i Savoia. Ma non per i Savoia Re d`Italia, che invece devono essere sepolti al Pantheon. Non c`è alcuna soluzione alternativa a questo”. Così in un’intervista a Il Tempo il principe Emanuele Filiberto di Savoia. “Vittorio Emanuele III subì il fascismo e molte delle sue scelte sbagliate. Io non voglio assolutamente mettere una pietra sopra su questo, anzi – precisa Emanuele Filiberto – però è al Pantheon che devono stare le spoglie dei Re d`Italia, con tutto ciò che hanno fatto in vita nel bene e nel male”. “I Savoia hanno subito la logica secondo cui la storia la scrivono i vincitori e dunque in questo senso è stato fatto molto per rovinare il volto di questa famiglia. Oggi invece percepisco più interesse a capire cos`è stata la Monarchia: giro molto l`Italia e vedo tanti giovani interessati. Io non ho paura a tirar fuori luci e ombre della Monarchia, perché tutto questo può servire alle nuove generazioni”, conclude il principe.

 

LA POLEMICA

“Fortunatamente la monarchia fa parte del passato di questa Repubblica. Ritengo inopportuno che la salma di Vittorio Emanuele III venga trasferita al Pantheon”. Lo ha detto la sindaca di Roma, Virginia Raggi, entrando in Campidoglio.

“Il rientro della sua salma in Italia essendo stata esclusa categoricamente la possibilità della tumulazione al Pantheon, è un mero atto di umana compassione senza alcun onore pubblico, gestito con prudenza e sobrietà”. Mi auguro piuttosto che le polemiche di queste ore si trasformino in una seria occasione di dibattito e di approfondimento storico, soprattutto tra le giovani generazioni”. Così il presidente del Senato, Pietro Grasso, in una nota, riferendosi al rientro in Italia della salma di Vittorio Emanuele III.

È SUCCESSO OGGI...