Pirozzi: «La vicenda del commissariamento della sanità è l’immagine perfetta della vecchia politica di palazzo»

0
Pirozzi: «La vicenda del commissariamento della sanità è l’immagine perfetta della vecchia politica di palazzo»
Sergio Pirozzi

ARTICOLI IN EVIDENZA

“Ho voluto attendere prima di commentare la difesa d’ufficio del Ministro della Salute Lorenzin dell’ex commissario alla Sanità e probabile futuro ex Presidente della Regione Lazio, Zingaretti. Dopo aver letto le tristi smentite di alcuni sindaci che si sono trovati il loro nome iscritto artificialmente come sostenitori dell’ex commissario, aver letto che il ministro di un governo amico, dopo aver compiuto un atto politico assai discutibile anche nel merito esattamente alla vigilia di un appuntamento elettorale, si trasforma in una sorta di portavoce del presidente di regione che ne ha beneficiato mi ha lasciato senza parole. Un ministro che toglie le castagne dal fuoco a un ex commissario, evitandogli di dover affrontare il merito delle critiche è la conferma che il Lazio è stato governato in questi anni da una politica di palazzo lontana anni luce dalle esigenze dei cittadini. Un modo di intendere la politica che alimenta la disaffezione degli elettori verso la classe dirigente, facendo crescere l’astensionismo.

Ho una storia politica di centrodestra e mi spiace vedere che l’opposizione, ha quasi totalmente ignorato l’argomento sanità, limitandosi a pochi commenti di circostanza, con la pregevole eccezione del capogruppo di Forza Italia, Aurigemma, che ha chiesto la convocazione di un consiglio regionale straordinario.

Invece di condannare duramente atti come quello del ministro, e parlare con e dei cittadini, anche l’opposizione si perde a discutere solo del Risiko delle poltrone, usando i giornali come cassa di risonanza di logiche che interessano solo agli addetti ai lavori e spesso prive di reale fondamento. In questi giorni sui giornali si vedono solo virgolettati contro di me attribuiti a chi ha il compito di portare la pace nel centrodestra del Lazio e fantasiose ricostruzioni sull’origine della mia candidatura a Presidente della Regione Lazio, che viene presentata come figlia di una parte politica che non ne è stata l’ideatrice, ma ha sposato con gioia la mia scelta del tutto autonoma. Ho scelto di presentare la mia candidatura insieme al simbolo con lo scarpone proprio perché fosse chiaro che, pur essendo ovviamente aperta a tutti i partiti della mia area politica di riferimento, nasceva dal basso, in modo spontaneo. Una sintesi tra il civismo e la buona politica. L’unica strada per riportare al voto i cittadini delusi sia dalla politica di palazzo come quella della giunta regionale uscente, sia dalla disastrosa alternativa del Movimento 5 Stelle perfettamente rappresentata da Virginia Raggi.  Le persone non aspettano altro che di poter tornare a sentire la politica vicina a loro e a vederla offrire soluzioni concrete e soprattutto realizzabili ai loro problemi”.

Lo dichiara in una nota Sergio Pirozzi, Sindaco di Amatrice e candidato alla Presidenza della Regione Lazio.

È SUCCESSO OGGI...