Omicidio Eur, la procura chiede la convalida del fermo dei cinque buttafuori

0
Omicidio Eur, la procura chiede la convalida del fermo dei cinque buttafuori

ARTICOLI IN EVIDENZA

La procura di Roma ha chiesto la convalida del fermo dei cinque buttafuori accusati dell’omicidio di Giuseppe Galvagno, l’imprenditore cinquantenne picchiato a morte, sabato scorso, all’esterno di una discoteca dell’Eur. L’interrogatorio di garanzia sarà fissato per i prossimi giorni. Intanto gli inquirenti hanno affidato l’incarico per l’autopsia ai medici legali dell’istituto di medicina legale della Sapienza. Il pm Eleonora Fini ha già ascoltato un testimone, e proseguirà con le audizioni di altri testimoni per ricostruire l’accaduto.

È SUCCESSO OGGI...

Roma – Tiburtina. 92enne incastrato nei pressi del deviatoio degli scambi tra i binari

0
Gli Agenti della Polizia di Stato – Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio,  durante il servizio presso lo scalo di Roma Tiburtina, durante il consueto servizio di vigilanza, sono stati attirati dalla...

Ciampino, furti di bici in stazione

0
6851 persone identificate, 4 arrestate, 11 denunciate in stato di libertà, 476 lepattuglie impegnate in stazione,  15 le contravvenzioni amministrative elevate, di cui 6  al regolamento di Polizia Ferroviaria,  6 le misure...

Magliana, roghi al campo rom: momenti di tensione

0
Incendio oggi alle 16 nell'area boschiva alle spalle del campo nomadi Candoni, a Roma. Le fiamme sono divampate anche all'interno del campo, coinvolgendo alcuni moduli abitativi vuoti. Secondo quanto si apprende, non...

Emergenza Coronavirus, proseguono i controlli a Pomezia. A luglio 193 verifiche e 38 verbali...

0
Proseguono i controlli nel territorio del Comune di Pomezia da parte della Polizia locale per verificare il rispetto delle prescrizioni anti contagio da Covid-19. Nel mese di luglio sono 193 le verifiche effettuate tra...

Roma, richiede finanziamento elettrodomestici con documenti falsi: arrestato

0
Una carta di Identità con altre generalità e la sua fotografia, un codice fiscale e una busta paga contraffatte erano le “armi” che un 30enne di Napoli, disoccupato e con precedenti, ha...