Pomezia, arrestato dipendente infedele: ecco cosa faceva

0
Pomezia, arrestato dipendente infedele: ecco cosa faceva

ARTICOLI IN EVIDENZA

I Carabinieri  del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Pomezia hanno arrestato un italiano di 30 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, dipendente della sede di Pomezia di una nota catena di negozi specializzata in bricolage, che era riuscito, a più riprese, ad impossessarsi dai magazzini dell’esercizio commerciale di utensili di ferramenta e materiale vario per un valore complessivo di oltre 3.000 euro.
Lo strano comportamento del dipendente era stato notato dal direttore del punto vendita che, insospettito, ha chiesto aiuto ai Carabinieri che lo hanno controlato proprio all’uscita del negozio: dal suo zaino, sono spuntate lampade Led di ultima generazione per un ammontare di oltre 200 euro.
I militari, sospettando che l’ammanco potesse essere più cospicuo, hanno eseguito una perquisizione nella sua abitazione.
Nelle immediate vicinanze della casa è stato trovato un furgone parcheggiato dove sono stati rinvenuti, pronti per essere smerciati, decine di oggetti ed utensili da lavoro risultati rubati nel posto di lavoro del 30enne.
L’intera refurtiva, composta da rasoi elettrici, lampade Led, apparati Wi-Fi, trapani e avvitatori elettrici, è stata recuperata e restituita al direttore dell’esercizio commerciale.
Sono tuttora in corso le indagini dei Carabinieri finalizzate a verificare se il 30enne possa essere il responsabile di altri furti, in particolare di una piscina idromassaggio sparita dal magazzino del negozio negli ultimi giorni.
L’arrestato, oltre ad aver perso il posto di lavoro, è stato posto agli arresti domiciliari in attesa del processo, durante il quale sarà chiamato a rispondere di furto aggravato.

È SUCCESSO OGGI...

Roma, prosegue la lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti da parte della polizia: 13...

0
I poliziotti del commissariato Trastevere hanno denunciato, in stato di libertà, un minorenne che, in Piazza San Cosimato, è stato trovato in possesso di 0.9 grammi di marijuana e 21 grammi di...

Coronavirus, in Serbia le bugie di stato

0
Da Belgrado Antonela Riha per Obc (Osservatorio Balcani e Caucaso, periodico on line) scrive che a più di tre mesi dall’annucio dell’epidemia di coronavirus, in Serbia si registra un drammatico aumento di...