Monterotondo, pusher 27enne arrestato: in casa circa 2 kg di droga

0
Monterotondo, pusher 27enne arrestato: in casa circa 2 kg di droga

ARTICOLI IN EVIDENZA

Durante le indagini svolte per il contrasto dei reati inerenti gli stupefacenti, la squadra investigativa della Polizia di Stato del commissariato Casilino ha scoperto che un ragazzo di Monterotondo era solito svolgere la sua “attività” di pusher, in compagnia del suo fedele cane di razza boxer, proprio nel suo paese.

Dopo vari appostamenti e pedinamenti, gli agenti hanno scovato il giovane e, con successive ricerche sui social network, sono riusciti ad arrivare alla sua identità.

Le indagini si sono concluse dopo l’ultima osservazione dell’operato dell’eretino: durante la serata i poliziotti lo hanno visto all’interno di un giardino pubblico dove, avvicinato più volte da ragazzi, si appartava con loro in una parte buia del parco per poi tornare da solo poco dopo.

In tarda serata mentre se ne stava andando col suo cane, è stato raggiunto da un coetaneo con il quale ha concluso una compravendita di marijuana ed hashish, sempre sotto l’occhio vigile degli agenti che, a quel punto, sono intervenuti.

In casa dello spacciatore sono stati trovati quasi 2 kg. di droga tra hashish, marijuana e cocaina, già suddivisa in dosi pronte ad essere vendute ad eccezione di 9 panetti di hashish ancora interi, 130 euro, 3 bilancini elettronici di precisione, 1000 bustine in cellophane per il confezionamento delle dosi, 1 taglierino con la lama sporca di hashish ed una scatola di cartone contenente bicarbonato, solitamente utilizzato per “tagliare” la cocaina.

L’uomo è stato quindi arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e portato nel carcere di Rebibbia, mentre a carico dell’acquirente è stata elevata una sanzione amministrativa.

È SUCCESSO OGGI...

CORONAVIRUS, D’AMATO: «OGGI 17 CASI, APPELLO ALL’UTILIZZO DELLA MASCHERINA O SI DOVRÀ RICHIUDERE»

0
“Oggi registriamo un dato di 17 casi. Di questi 10 sono casi di importazione: 6 casi sono di nazionalità del Bangladesh, un caso  dall’Iraq, due dal Pakistan e uno dall’India. Rivolgo un...